Sei un giovane imprenditore alla ricerca di prestiti per dare vita al tuo progetto, ti consigliamo di valutare con attenzione le condizioni previste dal prestito ditta individuale, chiamato anche prestito per partita IVA. Si tratta di una soluzione di finanziamento richiedibile anche da coloro che sono già titolari di un'attività e stanno cercando della liquidità per fronteggiare un periodo di difficoltà.

Se dunque fai parte di una di queste situazioni, leggendo questo articolo troverai tutte le informazioni utili su questa tipologia di credito, con l'indicazione dei requisiti e delle modalità per accedervi.

Prestito ditta individuale: di cosa si tratta

Quante volte capita di voler dare vita ad un progetto ma non avere a disposizione le risorse necessarie per realizzarli. In questi casi molti iniziano a considerare le diverse soluzioni di prestito proposte dal mercato. Nel caso in cui si volesse accedere alla forma di prestito ditta individuale sono necessari alcuni particolari pre-requisiti. Il motivo principale risiede fondamentalmente nel tipo stesso di finanziamento.

Trattandosi di una forma che evidentemente va a garantire la solidità economica iniziale per dare vita ad un progetto personale d'impresa, gli istituti di credito necessitano di una base solida per valutare in autonomia la percorribilità del progetto e, eventualmente, concedere il capitale richiesto per dare sostanza al tutto.

Per quanto riguarda il prestito ditta individuale è buona norma strutturare un business plan molto dettagliato. Questo permette all'istituto di credito di valutare con certezza l'area di mercato in cui vorresti far nascere la tua azienda e se sono presenti delle opportunità di crescita tali da giustificare la somma di denaro richiesta per avviare l'attività.

Questo genere di prestito è pensato sia per chi non ha mai lavorato (pensiamo ai tanti giovani disoccupati), sia per chi ha già avuto esperienze lavorative ma vuole mettersi in proprio o per chi ha finito gli studi e vuole dar vita ad un'azienda. Nel caso in cui tu fossi un giovane fra i 18 e i 35 anni, secondo il Decreto Legge 185/2000 puoi ottenere diverse forme di finanziamento agevolato.

L'Invitalia (Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa) si occupa di proporre costantemente nuove soluzioni di finanziamento proprio per il sostegno di nuove realtà commerciali. Tramite essa vengono agevolati i lavoratori autonomi in quei territori con un tasso di occupazione molto basso e quindi favorendo la nascita della figura di lavoratore autonomo in forma di ditta individuale.

Compilando la domanda di partecipazione online, chiunque può inviare il proprio progetto di ditta individuale che verrà successivamente valutato dalla Invitalia che avrà poi il compito di stilare una graduatoria di merito per coloro che avranno accesso al credito.

DA LEGGERE: Tassi d'interesse cessione del quinto: tutte le informazioni sul TAEG e TAN

Prestito ditta individuale: qualche consiglio utile

Invitalia per i progetti di finanziamento di una ditta individuale mette a disposizione un investimento complessivo previsto fino a 25.823 euro. Trattandosi di una forma di credito che va a favorire lo stato di occupazione per chi è attualmente disoccupato, non è possibile fare richiesta di prestito per ditta individuale per chi è titolare di un rapporto di lavoro dipendente con contratto a tempo determinato o indeterminato, titolare di contratti di lavoro a progetto, che esercita un'attività artigiana, libera professione, titolare di partita IVA o imprenditore.

Se non fai parte di nessuna di queste categorie, puoi fare richiesta di finanziamento per avviare una attività riguardante indistintamente il settore primario, il settore dell'agricoltura, il settore del commercio, dei servizi e del turismo.