Se hai bisogno di una somma di denaro extra, tra le tante soluzioni di finanziamento proposte dal mercato creditizio, potrai senza dubbio considerare quelle di Poste Italiane. Le procedure per chiedere un prestito postale sono molto semplici e offrono il grande vantaggio di ricevere la somma desiderata nel giro di pochi giorni. Se desideri avere maggiori informazioni, in questo articolo troverai tutte le informazioni utili.

Come richiedere un prestito a Poste Italiane

Richiedere un prestito è ormai diventata una pratica molto diffusa. Chiunque può ritrovarsi infatti in difficoltà e non avere i fondi necessari per affrontare una spesa improvvisa. In questo caso i prestiti sono un'ottima scialuppa di salvataggio perché consentono di ottenere la cifra desiderata in poco tempo e di poterla restituire attraverso il pagamento di rate mensili, proporzionali alle proprie entrate.

Poste Italiane, la società che si occupa del servizio postale nazionale, ha ormai incluso nella sua offerta anche i prestiti, creando anche delle tipologie di prodotti diversi in modo da soddisfare le esigenze di tutti i clienti. Uno dei vantaggi dei prestiti postali riguarda la loro flessibilità, ovvero la possibilità di essere accessibili a tutti i clienti, anche quelli che non sono intestatari di un conto postale.

Per conoscere tutti le soluzioni di finanziamento bisogna accedere portale per i prestiti BancoPosta. Indipendentemente dalla formula scelta, per richiedere qualunque prestito occorre possedere alcuni precisi requisiti: la residenza italiana, un reddito prodotto in Italia certificato derivante o da una pensione o da un lavoro. Alla richiesta dovrai allegare un documento di identità valido (sostituibile anche con una tessera sanitaria) e tutta la documentazione che certifica il reddito annuo.

Le soluzioni di finanziamento

La prima soluzione di finanziamento è il Prestito BancoPosta, il quale non richiede di avere obbligatoriamente un conto corrente BancoPosta. Attraverso questa soluzione puoi richiedere da un minimo di 3.000€ fino ad un massimo di 30.000€, ovviamente da concedere dalla banca in base allo stato di affidabilità dell'utente.

L'intera cifra può essere rimborsata con un piano di ammortamento che va da un minimo di 24 rate fino ad un massimo di 84 rate per gli importi più elevati. Ovviamente l'importo delle rate di rimborso sarà proporzionale alle entrate mensili. Quindi, non si può pretendere di ricevere 3000€ da ripagare in 84 rate, poiché le mensilità sarebbero decisamente troppo basse e Poste Italiane non ti vincolerebbe così tanto per avere entrate mensili così ridotte.

Un'altra alternativa interessante per chiedere un prestito in posta è la formula Prestito BancoPosta Flessibile. Questo consente sempre di ricevere fino ad un massimo di 30000€, ma con la libertà di modificare l'importo della rata mensile o di spostarla a fine finanziamento, in base alle tue esigenze. Le rate di base sono comunque circoscritte in un range che va dalle 24 fino alle 108 massime.

DA LEGGERE: Prestito BancoPosta Auto: che cos'è e come funziona?

Chiedere un prestito in posta: tutte le soluzioni alternative

Se vuoi invece chiedere un prestito in posta per un utilizzo specifico, allora Poste Italiane offre alcuni prodotti decisamente particolari. Fra queste troviamo infatti Prestito BancoPosta Ristrutturazione Casa, il quale si offre come alternativa al mutuo e consente di ricevere fino a 60000€ per poter rinnovare il proprio ambiente domestico con il semplice acquisto di elettrodomestici oppure per dei lavori più importanti da eseguire all'interno delle tue mura. Questo offre rate che si estendono dai 36 ai 120 mesi.

In alternativa troviamo anche Prestito BancoPosta Acquisto Casa, un'altra valida alternativa al mutuo, che dispone di una cifra erogabile che va dai 10000€ ai 60000€ per aiutarti ad acquistare un nuovo immobile. Qui le rate si estendono dai 36 fino ai 120 mesi. E per l'auto? c'è una soluzione anche per questo: se devi comprare una nuova automobile puoi dare un'occhiata a Prestito BancoPosta Auto, il quale consente di erogare, fino al 31 marzo 2017, una cifra che va dagli 8000€ ai 30000€. Con questi potrai comperare sia un'auto nuova che una usata, in piena libertà. Le soluzioni in questo caso mirano tutte a rate da 60 mesi.