Ammettiamo che stiate ricercando un prestito personale confrontando le offerte di prestito esistenti sul mercato e abbiate trovato la proposta migliore per voi: al momento di presentare la domanda di prestito l'Istituto di Credito a cui vi rivolgete, come da prassi, analizzerà alcune informazioni personali.
Se una volta quest'analisi veniva fatta solamente sui dati anagrafici, inquadramento contrattuale, situazione creditizia presente e passata, nell'era 2.0 non è più così. Al giorno d'oggi è diventata una discriminante importante la "vita parallela", quella dei profili social, in particolare Facebook e Linkedin.

Big Data: il nuovo strumento per l'analisi della domanda di prestito

Sembra uno scherzo alla Matrix, ma quando state cercando un prestito personale, sappiate che sarete "spiati" dalle banche, che si avvarranno della consulenza dei Big Data, l'estesa raccolta di dati web che consente di estrarre un valore significativo, come possono essere le informazioni dei profili social di coloro che richiedono un prestito, e non bisogna pensare che lo facciano solo con i giovani neoccupati o universitari, ma anche con chi è da più tempo nel mercato del lavoro.

DA LEGGERE: Quali sono i migliori prestiti per studenti universitari?

Facebook e Linkedin: cosa ricercano le banche?

Le banche controllano principalmente i profili social più interessanti dei clienti, ovvero quello di Facebook, piattaforma utilizzatissima dalla maggior parte degli italiani, e quello Linkedin, il social network dove si può monitorare l'evoluzione della storia lavorativa di una persona.

Per quanto riguarda Facebook alcuni Istituti di Credito, prima di siglare l'accettazione della domanda di prestito, richiedono un accesso temporaneo al profilo del cliente così da poter ottenere informazioni sulla situazione patrimoniale in maniera trasversale, deducendo dalle registrazioni, dalle foto, dai like e dalla rete di amicizie il tenore di vita praticato dal potenziale cliente, valutando se potrebbe essere un pagatore buono o cattivo.

Per quanto riguarda la pagina Likedin, invece,le banche controllano le pagine per verificare la velocità con cui i potenziali clienti cambiano lavoro casomai lo perdessero prima di estinguere il finanziamento.

Privacy social: è da considerarsi persa?

Se da un lato si può pensare che con questa prassi i clienti abbiano perso la propria privacy social, dall'altro bisogna dire che la richiesta di un prestito è una cosa seria, e che gli Istituti di Credito hanno il diritto di controllare l'affidabilità delle persone a cui stanno per elargire un finanziamento: per questo motivo i clienti sono portati a puntare su profili social puliti, solidi e stabili per avere condizioni contrattuali più convenienti.
Con questa possibilità di usufruire dei Big Data, invece, le finanziarie possono permettersi di fare scelte di qualità tutelandosi e fidandosi dei clienti che decidono di sostenere con i propri prestiti.