Due milioni di euro sono in arrivo per la piattaforma di social lending Prestiamoci, l'unica autorizzata dalla Banca D'Italia come finanziaria. La società Agata cui fa capo la start up di prestiti tra privati Prestiamoci ha infatti chiuso un aumento di capitale pari a quota due milioni di euro.

A prendere parte all'operazione, in un periodo di forte crescita per il social lending, sono stati il fondo di venture capital Innogest Sgr, Banca Sella Holding, Club Italia Investimenti 2 al fianco di nomi di punta del panorama imprenditoriale italiano e internazionale.

L'aumento di capitale servirà a rafforzare la presenza di Prestiamoci sul mercato italiano e a finanziare un processo di crescita che investirà sia l'ampliamento del team sia anche l'ambito tecnologico della piattaforma di social lending.

DA LEGGERE: Prestiti a tassi vantaggiosi? Sì, ma online e tra privati

Inoltre sono in cantiere una serie di iniziative tra cui investimenti in attività di marketing con gli occhi che saranno puntati particolarmente sull'aspetto digitale. Il tutto è mirato a incrementare il numero di utenti che erogano e che richiedono prestiti nell'ambito della piattaforma.

Prestiti tra privati, obiettivi dell'aumento di capitale

Secondo quanto dichiarato dal fondatore del fondo di venture capital Innogest Sgr Claudio Giuliano l'aumento di capitale punta a effettuare investimenti mirati a raggiungere un business consolidato.

L'operazione avvenuta a seguito della fase di rilancio e di riorganizzazione già avviata della piattaforma di prestiti tra privati, prevede che Digital Magics - per il supporto dato ad Agata nello scouting di investitori sia istituzionali che privati – riceverà una quota del 12,7% della società.

Si è detto molto soddisfatto dell'operazione il Ceo di Prestiamoci, Daniele Loro il quale ha sottolineato che il supporto ottenuto sia dagli investitori italiani e internazionali sia in particolar modo da Digital Magics consentirà a Prestiamoci di spingere l'acceleratore sulla crescita.