IZettle pianta bandierina in Italia. La startup svedese, che ha appena incassato 60 milioni di versamenti da parte dei venture capitalist da aggiungere ai circa 100 milioni raccolti negli ultimi due anni, approda nel Belpaese con un pos mobile - da collegare direttamente agli smartphone - che non funge solo da strumento per la ricezione dei pagamenti con carta di credito. Attraverso questo strumento l'azienda ha dato il via ad un programma che mette a disposizione degli utenti una linea di credito su misura. Grazie ai dati generati dalle transazioni, infatti, il pos è anche capace di erogare prestiti personalizzati.

Il pos di iZettle, lo strumento per erogare prestiti personalizzati

Oltre a liberare il commerciante e il libero professionista da tutti i limiti legati all'utilizzo di un tipico pos mobile, l'ultimo nato di casa iZettle sfruttando gli anal­ytics sull'andamento economico di ogni cliente, analizza il rischio connesso con il loro business attraverso un algoritmo e così è in grado di erogare prestiti personalizzati che poi verranno restituiti tramite un aumento del fee da pagare sulle varie operazioni di cassa fino al giorno in cui il debito sarà estinto.

DA LEGGERE: Acquisiti online: gli italiani scelgono la tecnologia e l'informatica

Le commissioni in questione sono stabilite sulla base di criteri precisi. Inoltre, non esistono limiti e scadenze temporali per la restituzione del prestito e grazie alla rapidità e alla precisione dei dati, il prestito può essere erogato a solo un giorno dalla richiesta. La differenza rispetto alle offerte degli istituti bancari sta proprio nell'algoritmo, cui spettano la decisione sui finanziamenti e la valutazione del rischio.

IZettle si attiva molto semplicemente scaricando l'applicazione e creando un account personale.

La presentazione del prodotto a Milano

Durante la conferenza stampa tenutasi a Milano per presentare il prodotto e il servizio offerto, Jacob De Geer, cofondatore e amministratore delegato dell'azienda ha sottolineato:  "Non applichiamo tassi  sia perché non è un lavoro di nostra competenza sia perché alla base della crescita aziendale c'è la soddisfazione dei clienti che scelgono i nostri prodotti e i nostri servizi per portare avanti e far crescere le loro imprese". Secondo quanto reso dichiarato da De Geer, infatti, l'idea di non applicare tassi d'interesse è una scelta strategica che punta ad invogliare e a soddisfare il cliente che richiede il prestito.

La liquidità dell'azienda proviene dai circa 160 milioni di euro ricevuti dagli investitori. Infatti, gli strumenti di casa iZettle non hanno alcun costo d'iscrizione e non prevedono il pagamento di tasse mensili e annuali né tantomeno di importi minimi per l'utilizzo. Attualmente l'azienda vanta 250 dipendenti, un milione di sottoscrittori e circa 200.000 utenti attivi.