Il 2013 ha visto aumentare in modo consistente la richiesta di prestiti perristrutturare casa e acquistare nuovi mobili. A dirlo l'ultimo studio dell'Osservatorio SuperMoney che ha analizzato un campione di circa 160 mila richieste di finanziamento inoltrate sul portale durante l'anno appena terminato. La causa di questo fenomeno è probabilmente da imputare alla proroga degli ecobonus che ha incentivato le famiglie italiane ad un investimento con un prestito bancario.

Secondo i dati emersi dall'analisi dell'Osservatorio SuperMoney, portale di confronto dei prestiti online più convenienti, infatti, il 2013 ha visto un incremento della domanda di finanziamenti per ristrutturare casa equivalente al 25%, mentre i prestiti per acquistare mobili sono cresciuti del 30% circa. Il calcolo è stato fatto fra il primo e il secondo semestre dell'anno e dimostra come gli italiani abbiano saputo approfittare dei bonus fiscali.

Se nel primo semestre 2013, infatti, la richiesta di prestiti per ristrutturare la propria casa era al 13,93% del totale, nel secondo semestre la quota è salita al 17,40%. Trend positivo, come anticipato, anche per l'acquisto di mobili, con i finanziamenti che sono aumentati dall'8,21 al 10,69% sempre nello stesso periodo.

Cresce anche l'importo medio richiesto per questi investimenti. Nei primi sei mesi dell'anno, infatti, le banche hanno erogato in media 21.279,69 euro per ristrutturare casa, ma la quota è cresciuta a 22.365,64 euro nella seconda metà del 2013 (+5,1%). Anche in questo caso seguono l'andamento in rialzo anche i prestiti per l'acquisto di mobili che, da 22.098,88 euro medi del primo semestre, sono cresciuti a 22.621,71 euro nel secondo (+2,37%).

"La proroga del cosiddetto ecobonus ha sicuramente sortito un effetto positivo - commenta Andrea Manfredi, Amministratore Delegato di SuperMoney - Gli italiani sono tornati ad avere fiducia nel credito bancario, forti della possibilità di ammortizzare l'investimento sulla propria casa grazie alle detrazioni fiscali".

"Gli istituti di credito non potevano del resto non adeguarsi alla nuova normativa - prosegue Manfredi - Sebbene siano sempre esistiti prestiti e mutui dedicati alla ristrutturazione immobiliare, questi sono stati oggetto di speciali campagne promozionali nell'ultimo anno. Probabilmente accadrà anche nel 2014, poiché gli stessi sgravi fiscali sono stati confermati. Chi può, fa sicuramente bene ad approfittare delle proposte di prestito: è importante tuttavia valutarne con attenzione le condizioni contrattuali per assicurarsi che l'investimento non diventi più oneroso del previsto".