Milano investe nelle piccole e medie imprese e sostiene le start up, questa la linea politica promossa dalla giunta Pisapia che sta preparando un piano di finanziamenti alle imprese per 3 milioni di euro. Un investimento sostenuto da Comune e Camera di Commercio che prevede il sostegno alle nuove attività che si impegnano in opere di innovazione tecnologica.

"Sosteniamo gli investimenti nelle nuove tecnologie come fattore strategico per la competitività del territorio in questo momento di crisi economica - spiega Cristina Tajani, assessore alle Politiche per il Lavoro, Università e Ricerca - Grazie a questa iniziativa nel 2012 abbiamo contribuito alla realizzazione di 158 innovazioni e alla nascita di 19 start up: anche quest'anno con Camera di Commercio vogliamo dare un segnale concreto della vicinanza del Comune alle piccole imprese innovative che operano a Milano"

I finanziamenti, che raggiungeranno i 3 milioni di euro, saranno stanziati da Comune di Milano (per 1,4 milioni) e dalla Camera di Commercio (1,6 milioni) e saranno così distribuiti: 615mila euro andranno a quelle start up che si stanno impegnando a sviluppare interventi di innovazione tecnologica; 900mila euro saranno indirizzati alle piccole e medie imprese della città; i restanti 1,5 milioni saranno invece investiti in quelle imprese che operano nel settore Itc.

"I percorsi per l'innovazione in azienda sono oggi il principale fattore sul quale puntare per rendere il nostro sistema imprenditoriale competitivo sui mercati - dichiara Giorgio Rapari, consigliere della Camera di Commercio di Milano - Ecco perché questo bando che premia i progetti per la creazione e per l'adozione di nuove tecnologie digitali rappresenta un'opportunità concreta per le micro, piccole e medie imprese".