Le operazioni di finanziamento condotte da vari istituti di credito sono state oggetto di indagini da parte della Banca d'Italia. Dopo American Express e Diners Club Italia, altre società si sono viste bloccare delle operazioni con la clientela. Tra gli ultimi interventi rientrano anche i prestiti personali Fiditalia.

Le indagini si sono concentrate sulla distribuzione di prodotti creditizi attraverso la piattaforma telefonica. Il primo blocco per la società era avvenuto ad ottobre, per grave inosservanza della normativa sui prestiti personali che aveva comportato il divieto totale di intraprendere nuove operazioni.

La seconda delibera ha parzialmente revocato i divieti. Tra quelli ancora vigenti, c'è quello di abbinare prodotti assicurativi ai prestiti personali di importi pari o inferiori a 2 mila euro e di durata pari o inferiore a 18 mesi.

Dopo le carte di credito anche i prestiti personali vengono messi sotto controllo. Tassi d'interesse superiori al limite consentito e violazioni sulla normativa della privacy. Insomma molti dei diritti dei clienti sono stati calpestati, per questo la Banca d'Italia corre ai ripari e blocca tutto fino a nuovo ordine.

La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il riferimento alla fonte e l'attivazione di un link di riferimento.