Prestiti Online: compara le migliori soluzioni di finanziamento del mercato creditizio

Mancato pagamento di una rata

Scopri cosa pensa la community:
Leggi le opinioni
Ti siamo stati utili?
Raccomandaci su Google

In cosa consiste il mancato pagamento

I prestiti personali prevedono la restituzione della somma ottenuta attraverso un piano di rimborso a tasso fisso e a rata costante, concordato con l’istituto erogatore. Nel momento in cui avviene il mancato pagamento di una o più rate, il cliente risulta immediatamente inadempiente nei confronti dell’ente finanziatore e ciò comporta alcune gravi conseguenze.

Le conseguenze per il debitore

Il primo effetto del mancato pagamento di una rata è la maggiorazione degli interessi dovuti, attraverso l’applicazione di una mora. I tassi di mora devono essere specificati nel contratto dei prestiti personali. Il consumatore che non paga regolarmente le rate rischia inoltre che il proprio nominativo venga inserito nella lista dei cattivi pagatori e successivamente segnalato alle Centrali Rischi, cioè agli enti di tutela del credito. Questo può accadere dopo 15 giorni dalla spedizione del “preavviso di iscrizione” da parte della banca, che avvisa il debitore del ritardo nel pagamento e del fatto che il suo nominativo sta per essere inviato a una centrale di rischi. Se il debitore non provvede immediatamente al saldo della rata, l’istituto creditore segnalerà l’inadempienza ad un notaio o a un ufficiale giudiziario, che hanno il compito di sollecitare il versamento della rata rata dovuta.  Se anche in questo caso il debitore non provvede al pagamento, sarà indicato come soggetto protestato. Questa situazione si ripercuote in maniera molto sfavorevole sul cliente stesso che, subendo un peggioramento della propria affidabilità creditizia, potrà avere una maggiore difficoltà a ottenere altri prestiti personali in futuro.

Il mancato pagamento rata autorizza anche la banca o l’istituto di credito a recedere unilateralmente dal contratto, imponendo al cliente il pagamento di tutte le spese bancarie e di protesto e di tutti gli oneri che l’ente ha dovuto sostenere per il recupero delle somme dovute, oltre ad una possibile penale.

Queste misure appaiono necessarie dal momento che i prestiti personali non vincolano il cliente ad alcuna garanzie reale nei confronti degli enti finanziatori; nel caso in cui, invece, l’ente creditore avesse richiesto delle garanzie sul prestito personale (come fideiussione o cambializzazione) per l’erogazione del prestito, queste interverranno direttamente al mancato pagamento della rata.

Come evitare il mancato pagamento rata

Per evitare di incorrere nel mancato pagamento della rata, i consumatori possono stipulare dei prestiti personali flessibili, che prevedano la possibilità di posticipare il pagamento di una o più rate in caso di difficoltà, senza incorrere in alcuna penale. Un’altra possibilità per tutelarsi contro il mancato pagamento rata è stipulare una polizza assicurativa a protezione del credito, che intervenga a saldare il prestito (o alcune rate del prestito) al posto del debitore in determinate circostanze, per esempio in caso di malattia, morte, invalidità o perdita di lavoro.

Leggi tutti i commenti