Prestiti personali

Ti siamo stati utili?
Raccomandaci
su Google

Cos'è un prestito personale?

I prestiti personali sono finanziamenti che non hanno una finalità specifica, ma possono essere richiesti per finanziare qualunque tipo di necessità. Al contrario del prestito finalizzato, i prestiti personali non sono quindi collegati all’acquisto di uno specifico bene o servizio: la banca eroga il prestito personale sottoforma di liquidità direttamente al cliente che ne fa richiesta.

I prestiti personali possono essere richiesti per svariate ragioni: prestiti per le vacanze, prestiti per il benessere e la salute, prestiti per regali e cerimonie, prestiti per gli studi, o semplicemente per affrontare le spese di tutti i giorni. La restituzione avviene attraverso rate con scadenza periodica, che vengono concordate tra banca e cliente.

Le garanzie richieste dalle banche per ottenere i prestiti personali

Prima di concedere un prestito personale, istituti di credito e società finanziarie richiedono determinate garanzie per evitare il rischio di insolvenza. Le garanzie sui prestiti personali sono necessarie poiché la banca, in caso di mancata restituzione del credito, non ha modo di rifarsi su alcun bene reale. Le garanzie fondamentali da fornire quando si richiede un prestito personale sono una fonte di reddito certa e continuativa e una comprovata affidabilità creditizia. Come ulteriore garanzia, alcuni istituti di credito potrebbero richiedere la cambializzazione delle rate, oppure un’unica cambiale, in grado di garantire una parte o l’intera somma erogata.

Se la domanda di prestito personale proviene da un cliente con un'anzianità lavorativa recente, o se viene richiesta una somma molto elevata, la banca potrebbe imporre la firma di un coobbligato o di un terzo fideiussore, che funga da garante e si impegni alla restituzione del debito nel caso in cui il titolare del prestito personale risultasse inadempente.

Le conseguenze in caso di mancato rimborso delle rate

In caso di ritardo nel pagamento delle rate dei prestiti personali, l'inadempienza nei confronti dell'istituto finanziatore è immediata e porta ad una maggiorazione degli interessi dovuti con l'applicazione di una mora. Il nominativo del debitore viene inoltre inserito nella lista dei pagatori ritardatari e segnalato agli enti di tutela del credito. I dati relativi ai cattivi pagatori vengono condivisi con l’intero sistema bancario e finanziario: ne consegue il peggioramento dell’affidabilità creditizia del cliente e una difficoltà nell'ottenere credito in futuro.

Nel caso in cui il cliente risulti inadempiente, la banca potrebbe interrompere unilateralmente il contratto di prestito personale. Il cliente, oltre a perdere il prestito personale, dovrà farsi carico di tutte le spese bancarie e di protesto e di un'eventuale penale. In ogni caso, in materia di garanzie e prestiti personali non vige una regola generale: ogni istituto di credito può agire diversamente nei confronti dei clienti.

Il contratto dei prestiti personali

Il contratto di prestito personale deve contenere una serie di indicazioni previste per legge: il tasso di interesse praticato; la somma erogata e le modalità del finanziamento; il numero, gli importi e la scadenza delle singole rate; il tasso annuo effettivo globale (TAEG); tutte le spese che non sono incluse nel calcolo del TAEG; le condizioni secondo cui il TAEG può essere eventualmente modificato; ogni altro prezzo e condizione praticati; le eventuali garanzie richieste; le eventuali coperture assicurative richieste e non incluse nel calcolo del TAEG.

Il cliente può decidere in qualunque momento di estinguere il prestito personale in anticipo rispetto alla scadenza stabilita nel contratto: in questo caso dovrà rimborsare il capitale residuo ancora dovuto, eventualmente maggiorato di una penale stabilita per legge.

Prestiti: le ultime news

Domanda di prestiti in aumento da parte di famiglie e imprese

30-10-2014

L'ultima indagine Bankitalia sul credito bancario ha rilevato un aumento della domanda di prestiti di famiglie e imprese

Supermoney News

Calo prestiti a settembre, la BCE registra una diminuzione dell'1,2%

28-10-2014

Secondo l'ultima rilevazione della Banca Centrale Europea, a settembre 2014 c'è stato un calo prestiti

Supermoney News

Bollettino Banca d'Italia: prestiti alle aziende in recessione

24-10-2014

Nel terzo trimestre cala la domanda di prestiti alle aziende (-2,6%). In leggera flessione anche quelli personali (-0,4)

Supermoney News
Documento senza titolo