Sei un artigiano e sei alla ricerca dei prestiti più vantaggiosi per ottenere un finanziamento? I prestiti per artigiani possono darti la giusta spinta per dare sostanza alle tue idee e ai tuoi progetti. Scopri come funzionano i finanziamenti per artigiani e quali sono le formule più interessanti. Ecco i dettagli.

Prestiti per artigiani: di cosa si tratta?

Molto spesso si dimentica che la categoria degli artigiani fa riferimento ad una grossa fetta economica e storica del nostro Paese. Sotto la categoria degli artigiani è possibile trovare una miriade di attività, alcune di diverse generazioni, e di diversa grandezza. Queste attività produttive sono spesso organizzate in piccole realtà, spesso a conduzione familiare, ma anche sotto forma di aziende di piccola/media dimensione.

Come per tutti gli esercizi commerciali, capita che anche gli artigiani abbiano la necessità di accedere ad una linea di credito per finanziare ad esempio l'acquisto di un nuovo macchinario o per procedere alla ristrutturazione del proprio laboratorio. Se anche tu rientri in questa categoria lavorativa e necessiti di maggiore liquidità per realizzare un tuo progetto, in questo articolo di andremo ad illustrare come funziona questa tipologia di finanziamento e come è possibile accedere i prestiti per artigiani.

A questo proposito, ti potrebbe interessare sapere che la Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa (CNA), oltre a rappresentare un punto di incontro per gli artigiani, segnala di volta in volta a tutti gli iscritti le convenzioni che sono state stipulate in accordo con alcune Banche oltre a comunicare tutte le possibilità per accedere a bandi governativi, finanziamenti a fondo perduto o prestiti con tassi di interessi agevolati.

DA LEGGERE: Prestiti partita IVA: come fare a richiedere un finanziamento?

Prestiti per artigiani: le principali linee di credito

Le strade per accedere ai prestiti sono diverse. Gli artigiani possono fare innanzitutto riferimento ai finanziamenti statali, distribuiti a livello nazionale come previsto dalla legge 488 del 1992. Un'altra possibilità è quella di accedere ai finanziamenti regionali (il Crias ad esempio) per gli artigiani che vengono gestiti autonomamente da regione a regione e sono volti a finanziare la nascita di nuove attività oppure a sostenere gli artigiani in difficoltà.

Un'ulteriore possibilità di finanziamento locale è quella offerta dai prestiti a fondo perduto previsti da specifiche leggi regionali (ad esempio la legge numero 949/1952, 1068/1964 e 249/1981).

Gli artigiani che necessitano di maggiore liquidità possono poi affidarsi ai finanziamenti per artigiani erogati dagli istituti di credito. Tra questi troviamo, ad esempio, Artigiancassa, la banca del gruppo BNP Paribas specializzata nella gestione di fondi pubblici che permettono agli artigiani di ottenere liquidità con tassi di interesse vantaggiosi.

In alternativa a queste linee di credito pensate ad hoc per questa categoria lavorativa, è infine possibile accedere anche ai più tradizionali prestiti personali richiedibili in filiale o direttamente presso le banche online specializzate.