Richiedere un prestito per ottenere della liquidità extra è ormai una soluzione molta diffusa e adottata da tantissimi risparmiatori. Tra le tante proposte del mercato creditizio è possibile valutare anche i prestiti di BancoPosta che consentono di ottenere fino ad un massimo di 30.000 euro, da restituire attraverso un piano di rimborso flessibile e in grado di adattarsi alle esigenze del cliente. In questo articolo analizzeremo le principali soluzioni di finanziamento di BancoPosta e cercheremo di fornirti delle indicazioni utili per selezionare la formula più adatta alle tue esigenze.

Prestito BancoPosta Flessibile: come funziona?

La prima soluzione proposta da Poste Italiane si chiame BancoPosta Prestito Flessibile ed è rivolta a tutti i titolari di un conto corrente BancoPosta. Grazie a questo prestito potrai richiedere da un minimo di 8.000 euro fino ad un massimo di 30.000 euro, senza limitazioni per quanto riguarda l'impiego del capitale erogato. L'intera somma viene accreditata in un'unica soluzione, direttamente sul conto corrente BancoPosta del richiedente e prevede un piano di rimborso rateale variabile, da un minimo di 24 fino a 108 mesi con addebito diretto sul conto corrente.

Si chiama "prestito flessibile" in quanto il finanziamento viene concesso con la possibilità di richiedere liberamente variazioni sulle rate mensili per la restituzione del credito, o addirittura la possibilità di spostare l'intera somma da restituire in una singola rata al termine del contratto. Per quanto riguarda i tassi di interesse, BancoPosta offre un TAN fisso dell'8,25% ed un TAEG dell'8,61%. Se non sei titolare di un conto corrente BancoPosta, potrai in alternativa richiedere un prestito anche semplicemente con un libretto postale.

Prestito BancoPosta Auto

Una seconda comoda soluzione, che si sposa alla perfezione con l'eventuale necessità di acquistare una nuova auto è il Prestito BancoPosta Auto. Scegliendo questo prestito potrai ottenere un finanziamento fino ad un massimo di 30000 euro che potrai utilizzare per rinnovare la tua vecchia auto. Anche in questo caso è previsto un piano di rimborso rateale e di durata variabile, dai 30 agli 84 mesi.

Prestito BancoPosta Auto è richiedibile sia dai titolari di un conto corrente BancoPosta, sia per tutti i possessori di un libretto postale nominativo. In quest'ultimo caso, tuttavia, le rate fisse mensili dovranno essere pagate unicamente tramite bollettini postali, mentre per i clienti BancoPosta l'addebito viene effettuato direttamente sul conto corrente.

Parlando di tassi di interesse, Prestito BancoPosta Auto vanta una promozione valida fino al prossimo 31 marzo 2017, con un TAN fisso del 7,50% e TAEG del 7,84%, ma solo per i titolari di conto corrente BancoPosta con accredito dello stipendio o della pensione.

DA LEGGERE: Bancoposta: tutti gli sconti dedicati ai titolari del conto corrente

Prestito BancoPosta Consolidamento

L'ultima soluzione che ti proponiamo è Prestito BancoPosta Consolidamento. A differenza delle due altre soluzioni, questo prestito ti offre un finanziamento fino ad un massimo di 50.000 euro, ma solo indicando la finalità specifica dell'investimento proprio come avviene per un prestito personale.

Se hai intenzione di realizzare un progetto a lungo termine, ad esempio, e ti serve maggiore liquidità con un nuovo finanziamento, Prestito BancoPosta Consolidamento permette di riunire in un'unica rata tutti i prestiti precedentemente richiesti, semplificando la restituzione del capitale grazie ad un unico impegno mensile.

Come sempre, questa soluzione è riservata ai titolari di conto corrente BancoPosta o di un libretto postale nominativo, quest'ultimo con alcune differenze. Prima di tutto, se sei in possesso di un conto corrente BancoPosta puoi usufruire di una promozione fino al 31 marzo 2017 che ti permette di richiedere prestiti di valore pari o superiore a 15.000 euro con tassi di interesse più vantaggiosi.

Nello specifico, la promozione prevede un TAN fisso del 7,90% ed un TAEG dell'8,24%. Secondariamente, con il conto corrente è possibile richiedere un piano di restituzione più ampio, da 36 a 96 mesi, mentre i titolari di un libretto postale sono limitati ad una durata da 24 a 84 mesi.