Come funzionano i finanziamenti per l'acquisto di un impianto fotovoltaico? Se hai intenzione di installare un impianto di questo genere, ti diciamo subito che esistono dei finanziamenti pensati proprio per questa evenienza. Con l'aiuto dei nostri esperti vedremo quali sono gli istituti di credito in grado di offrire queste particolari soluzioni finanziarie e quali sono i vantaggi per gli utenti interessati ad investire nelle risorse rinnovabili.

Finanziamenti per il fotovoltaico: di cosa si tratta?

Innanzitutto, l'installazione nella propria abitazione di un impianto fotovoltaico rappresenta un investimento apparentemente rischioso, ma decisamente utile in termini di risparmio energetico. In tal senso, dotare la propria casa delle ultime tecnologie per risparmiare sull'energia apre la strada ad una serie di incentivi statali e di detrazioni fiscali in grado di comportare un grosso taglio alle spese. Tra questi rientrano gli Ecobonus, che prevedono uno sgravio fiscale fino al 70% per le spese degli interventi sull'intero involucro dell'edificio e del 75% se il lavoro sarà finalizzato a migliorare la prestazione energetica sia invernale che estiva.

Non è da sottovalutare, tuttavia, la spesa iniziale necessaria per gli adeguamenti energetici, motivo per cui diverse finanziarie ed istituti bancari propongono diverse soluzioni, tra le quali ritroviamo anche i finanziamenti fotovoltaici. Anche in assenza di liquidità, infatti, è possibile procedere all'acquisto dei pannelli fotovoltaici richiedendo un prestito personale o aziendale forte di diversi bonus ed agevolazioni pensati appositamente per questo tipo di intervento.

I prestiti per il fotovoltaico sono sempre più spesso emessi a tassi molto agevolati, sia fissi che variabili. L'importo massimo del finanziamento varia in base all'istituto presso cui si fa richiesta e in base al tipo di richiedente, privato o azienda. Alcune forme di finanziamenti arrivano anche a coprire il 100% della spesa iniziale prevista per l'intervento di adeguamento energetico.

La sottoscrizione di un prestito per il fotovoltaico prevede la presentazione di specifici titoli di garanzia che, nella maggior parte dei casi, coincidono con quelli previsti per tutte le altre tipologie di prestiti. La principale è infatti rappresentata da una fonte di reddito stabile, come ad esempio la busta paga o la pensione, in modo da poter proteggere l'istituto erogatore da eventuali rischi di insolvenza.

DA LEGGERE: Prestiti a fondo perduto: i 5 migliori finanziamenti

Finanziamenti fotovoltaico: le migliori offerte per il 2017

Tra le finanziarie in grado di offrire un prestito per l'acquisto e l'installazione di pannelli solari, rientra Findomestic che permette di richiedere un finanziamento da 1.000 a 60.000 euro, utile a coprire fino al 100% dell'intervento. Questo finanziamento non prevede, al momento, alcuna imposta di bollo e offre dei tassi di interesse variabili nell'importo in base alla cifra richiesta, ma stabili per tutta la durata del contratto, con un TAEG fisso.

Per quanto riguarda gli istituti bancari, il prestito Forza Sole offerto da UBI Banca permette di richiedere una cifra tra i 5.000 ed i 70.000 euro per il finanziamento dell'adeguamento energetico, tra cui l'acquisto e la predisposizione di un impianto fotovoltaico per la propria abitazione o azienda. In questo caso il cliente può richiedere una restituzione a tasso di interesse TAN fisso dell'8,50% o variabile. Nel caso di interessi fissi, la restituzione avviene in un periodo tra 42 e 185 mesi, mentre per un prestito a tasso variabile il periodo di restituzione va da 36 a 180 mesi.

Anche Unicredit propone una forma di finanziamento destinata agli interventi sugli immobili per il risparmio energetico, compresi quelli relativi agli impianti fotovoltaici. L'offerta CreditExpress Risparmio Energetico prevede la possibilità di richiedere un importo da 5.000 e 75.000 euro, utile a coprire fino al 100% della spesa richiesta per il nuovo impianto energetico. In questo caso il TAEG rimane fisso al 6,50% e l'intero importo è restituibile tra i 36 ed i 120 mesi.