Quando si è in difficoltà economica o si ha bisogno di liquidità extra, è possibile valutare l'ipotesi di richiedere un prestito. Una scelta adottata da tutti quei risparmiatori che non riescono a coprire tutte le numerose spese ordinarie e straordinarie. In quest'articolo cercheremo di capire come funzionano i prestiti personali di Poste Italiane e quali sono i vantaggi per gli utenti.

Prestito poste: le caratteristiche

Un aspetto che accomuna tutti i prodotti di Poste Italiane è l'estrema semplicità, una caratteristica che ritroviamo anche in Prestito Bancoposta. Questo prodotto concede la possibilità di richiedere una somma variabile, compresa tra i 3.000€ e i 30.000€, con una durata che si può estendere dai ventiquattro fino agli ottantaquattro mesi e con tassi di interesse molto vantaggiosi.

Per richiedere un Prestito Poste è necessario possedere alcuni requisiti: la residenza italiana e un reddito da lavoro/pensione dimostrabile prodotto in Italia. Per inoltrare la propria richiesta bisogna prendere appuntamento presso un ufficio postale e presentare la documentazione che dovrà includere:

  • la carta d'identità in corso di validità;
  • la tessera sanitaria;
  • e un documento che dimostri la propria situazione finanziaria.

A questo punto verrà valutata la posizione del richiedente a cui potranno anche essere concesse anche delle particolari agevolazioni o promozioni in corso. In fase di valutazione potrebbero anche essere richiesti altri documenti.

Una volta accettata la richiesta l'importo richiesto potrà essere erogato in vari modi:

  • con accredito sul Conto Corrente BancoPosta, per i Titolari di Conto Corrente BancoPosta;con accredito sulla carta PostePay Evolution, per i Titolari di Carta PostePay Evolution;
  • con accredito sul Libretto di Risparmio Postale Nominativo Ordinario per i Titolari di Libretto postale;
  • con accredito su conto corrente bancario o direttamente in contanti allo sportello dell'ufficio postale (per importi fino a 10.000€) per gli altri Clienti

Come avviene il rimborso delle rate?

Il rimborso delle rate è mensile ed avviene, in base alla tipologia di clientela, tramite addebito diretto su Conto Corrente BancoPosta, Carta Postepay Evolution, Conto Corrente Bancario o tramite il pagamento di bollettini postali.

Sicuramente degna di nota è anche la possibilità di scegliere un prestito BancoPosta Flessibile. In cosa consiste? I vantaggi sono più o meno gli stessi. Puoi infatti con BancoPosta Flessibile sempre richiedere un quantitativo in denaro ai 3.000€ ai 30.000€, ma col vantaggio di poter cambiare l'importo della rata a finanziamento in corso, oppure di spostarla a fine finanziamento. Come è ovvio che sia, gli interessi sono lievemente diversi rispetto al prestito BancoPosta classico.

Altra caratteristica essenziale è che con BancoPosta Flessibile è possibile estendere la durata del finanziamento fino a centootto mesi, e non ottantaquattro come avviene in genere. Un'opportunità che facilita sicuramente coloro che non hanno una grande disponibilità economica.

DA LEGGERE: Conto BancoPosta: è davvero il miglior conto corrente per te?

Come richiederne uno?

Come dicevamo, per richiedere un prestito Poste è necessario recarsi presso una filiale presente sul territorio, previo appuntamento che può essere preso anche direttamente tramite il sito delle Poste Italiane.

In alternativa è possibile recarsi in una filiale e prendere un appuntamento con un consulente per un secondo incontro. Insomma, per chi è alla ricerca di un momento di respiro in una situazione economica non proprio rosea, il prestito di Poste Italiane può essere una ottima soluzione. Se devi acquistare una nuova automobile o risanare un vecchio debito, pensaci.