Se stai cercando il modo di finanziare i lavori di riqualificazione energetica di casa tua, CreditExpress Risparmio Energetico di Unicredit può essere proprio il prodotto adatto a te. Ti consigliamo di confrontarlo con gli altri prestiti personali per farti un'idea dell'offerta del mercato e trovare la soluzione più adatta a te. Adesso, però, andiamo a vederlo nel dettaglio.

Unicredit CreditExpress Risparmio Energetico

CreditExpress Risparmio Energetico di Unicredit è dedicato a tutti coloro che cercano un finanziamento per pagare i lavori di riqualificazione energetica di casa propria. È un prestito personale che eroga da un minimo di 5.000€ a un massimo di 75.000€ per una durata che va da un minimo di 36 mesi ad un massimo di 120 mesi.

Il prestito può essere erogato tramite accredito su conto corrente Unicredit, accredito su carta prepagata ricaricabile Genius Card (solo per finanziamenti fino a 30.000€) oppure bonifico bancario sul conto corrente presso un altro istituto. Il tasso di interesse è per forza fisso e cambia in base ai lavori che devi finanziare.

Infatti, alcuni interventi sono coperti dal D.L. n. 63 del 04/06/2013 e prevedono delle agevolazioni fiscali. Per questi interventi il Tasso Annuo Nominale (TAN) è fisso ed è del 6,50%, altrimenti per tutti gli altri è dell'11,90%. Invece, il TAEG in caso di agevolazione fiscale è del 12,97%, altrimenti è del 7,05%.

Hai diritto a recedere dal contratto senza pagare penali entro 14 giorni dalla firma. Per recedere devi darne comunicazione alla banca inviando, prima della scadenza dei 14 giorni, una raccomandata A/R alla propria filiale Unicredit di riferimento. Puoi rimborsare anticipatamente, in qualsiasi momento, tutto o parte dell'importo dovuto. In questo modo godi di una riduzione del costo totale del credito, pari all'importo degli interessi e dei costi dovuti per la vita residua del contratto.

DA LEGGERE: Riparti Italia, il prestito per ristrutturare di Mediolanum

Unicredit CreditExpress Risparmio Energetico: le spese accessorie

Per richiedere il prestito, oltre ai tassi d'interesse, bisogna anche calcolare alcune spese accessorie da dover pagare:

· Spese di istruttoria: 1% dell'importo richiesto, per un massimo di 500€;

· Imposta di bollo: 16€, azzerato in caso di addebito su conto corrente UniCredit;

· Imposta di bollo su eventuale garanzia: 16€, azzerato in caso di addebito su conto corrente UniCredit;

· Nessuna spesa di incasso rata;

· Spese di invio rendiconto periodico: 0,61€;

· Imposta di bollo su rendiconto periodico superiore a 77,47€: 2€, azzerato in caso di addebito su conto corrente UniCredit;

Esempi di calcolo della rata e dell'importo finale

Simulando una richiesta di finanziamento da 50.000€ per una durata di 84 mesi:

· In caso di TAN fisso all'11,90%: l'importo della rata sarebbe di 879,96€, per un importo totale dovuto dal consumatore di 74.450, 91€ (24.450,91€ di costo del prestito tra interessi e costi accessori);

· In caso di TAN fisso al 6,50%: l'importo della rata sarebbe di 742,47€, l'importo totale dovuto sarebbe di 62.901,75€, per un costo del prestito di 12.901,75€.

In questo esempio di prestito, il TAEG viene calcolato sommando al TAN fisso i seguenti costi: costi di istruttoria di 500€, imposta di bollo di 16€, invio del documento di sintesi annuale pari 4,27€ e l'imposta di bollo su rendiconto periodico di 14,00€.