Ammettiamo che siate alla ricerca di un prestito confrontando le diverse offerte disponibili sul mercato tramite il nostro comparatore online o tramite le filiali degli Istituti di Credito nella vostra città; una delle prime cose fondamentali da tenere in considerazione per scegliere la proposta più adatta alle vostre esigenze sono i tassi di interessi: attualmente, nonostante potreste aver scelto i tassi migliori, potreste essere "vittime" di aumenti che sfiorano il 25%, conseguentemente all'abbassamento del denaro messo in atto dalla BCE.

Cosa ha comportato l'abbassamento del denaro messo in atto dalla BCE? Questa decisione della Banca Centrale Europea ha significato diverse cose secondo una ricerca del Centro studi Unimpresa che ha preso in esame i dati del Ministero dell'Economia e delle Finanze relativi alle soglie d'usura. Vediamo quali sono i dati principali emersi dalla ricerca per quanto riguarda prestiti personali e finanziamenti alle imprese:

  • per gli scoperti di conto corrente, un tasso di interessi aumentato di oltre il 24%

  • per gli sconti commerciali delle fatture si arriva fino al 16%

  • per i mutui si può arrivare fino a quasi il 9%

  • per il credito al consumo si sfiora il 20%.

Anche per i finanziamenti alle aziende la situazione non cambia di molto:

  • anticipi e sconti commerciali sono concessi con tassi medi al 9,72% (fino a 5mila euro), al 7,76% (da 5mila euro a 100mila euro) e al 4,80% (oltre 5mila euro)

  • la soglia d'usura è al 16,15%, 13,70%, 10,00% per i prestiti indicati poco sopra con i relativi tassi di inteterssi

  • la cessione dei crediti registrata ha segalato tassi medi al 5,54% (fino a 50mila euro) e al 3,75% (oltre 50mila euro), con soglia d'usura rispettivamente all'10,92% e all'8,68%.

DA LEGGERE: Domanda di prestito: le banche guardano i profili social dei clienti

Tassi di interessi prestiti: i dettagli per le famiglie e il parere di Unimpesa

Per quanto riguarda il dettaglio dei tassi di interessi sottoposti alle famiglie, si differenziano in base alle richieste fatte:

  • per la cessione del quinto dello stipendio e della pensione, i tassi di interessi medi sono al 12,20%

  • per i prestiti fino a 5mila i tassi di interessi medi sono al 12,20% euro e al 10,99% per quelli oltre 5mila euro

  • per i crediti personali si registra un tasso medio all'11,33% con la soglia d'usura fissata al 18,16%.

Tassi di interesse prestiti in crescita: cosa fare?

Innanzitutto, dal momento che la "colpa" di questo aumento dei tassi di interesse sui prestiti è collegata all'operato della BCE, se ci si vuole tutelare, è sempre buona cosa confrontare le diverse offerte di prestito esistenti sul mercato, valutando anche la convenienza dei tassi fissi o variabili a seconda dell'andamento del mercato e della propria disponibilità economica, così da "limitare i danni" nel caso di pratiche della Banca Centrale che possano condizionare il proprio futuro.