Cambiano i tassi soglia TAEG da utilizzare per il prestito con cessione del quinto dello stipendio e della pensione. A rivelarlo è l'INPS che con il messaggio numero 23 dell'anno 2016 ha messo nero su bianco che i TEGM, ossia i tassi globali medi praticati dagli istituti bancari e dagli intermediari finanziari per il prestito con cessione del quinto della pensione e dello stipendio per il pagamento di tutti i prestiti concessi con questa formula sono stati aggiornati rispetto all'ultima modifica dei tassi sul prestito con cessione del quinto dello scorso luglio.

Nuovi tassi soglia del prestito con cessione del quinto, il decreto

Variati sulla scia del decreto del 21 dicembre 2015 dal Dipartimento del Tesoro del Ministero dell'Economia e delle Finanze i nuovi tassi soglia TAEG da utilizzare per il prestito con cessione del quinto dello stipendio e della pensione, sono applicati dal primo gennaio 2016 e saranno in vigore fino al 31 marzo 2016.

Nello specifico, i nuovi tassi soglia TAEG che saranno applicati a questa tipologia di prestiti erogati con la formula della cessione del quinto - ovvero i prestiti che vengono estinti attraverso la cessione di quote del salario o dello stipendio fino al quinto dell'ammontare dell'emolumento valutato al netto delle ritenute - sono prestabiliti per la classe di età del pensionato e per la classe relativa all'importo del prestito.

DA LEGGERE: Cessione del quinto, a Milano recapitate oltre 3.000 lettere pazze

Come stabilito dall'articolo 10 della convenzione dell'INPS, che si concentra sull'erogazione dei finanziamenti ai pensionati, le classi di età sono intese al termine del piano e comprendono il compleanno dell'età minima della classe.

Prestito con cessione del quinto, i tassi medi

Nel dettaglio dei numeri, per i prestiti fino a 5mila euro il tasso medio di attesta al 12,2% con un tasso di usura a quota 19,25%. Per i prestiti che superano la soglia dei 5mila euro, i tassi medi si attestano a quota 10,99% con un tasso d'usura pari a quota 17,74%.

Quanto ai tassi soglia TAEG dei pensionati che cambiano sia sulla base della somma che viene erogata al beneficiario del prestito sia anche sulla base dell'età del richiedente, nello specifico per i pensionati fino a 59 anni il tasso medio si attesta al 9,09% per somme fino a 5mila euro e all'8,71% per prestiti che superano la soglia dei 5mila euro. Per i pensionati che abbiano un'età compresa tra i 60 e i 69 anni, il tasso si attesta a quota 10,69% per somme erogate fino a 5mila euro e al 10,31% per un ammontare concesso oltre i 5mila euro. Quanto ai pensionati fino a 79 anni dai 70, il tasso medio si attesta al 13,29% per prestiti fino a 5mila euro e al 12,91% per prestiti oltre i 5mila euro.