Recentemente abbiamo scritto della partnership tra Banca Sella e Banca Europea, alleate per favorire l'occupazione giovanile under 30 e per sostenere le start up innovative attraverso prestiti agevolati.
Alessandra Pissinis, dell'Area Prodotti del Credito di Banca Sella, ha concesso un'intervista a SuperMoney News in cui si approfondisce il tema del mercato del credito per i giovani.

Prestiti agevolati Banca Sella e Banca Europea: le motivazioni del progetto

"Come Banca sono diverse le iniziative che nel corso degli anni abbiamo messo in campo a sostegno dell'innovazione e dei giovani, come per esempio il finanziamento per l'Economia Digitale. Da tempo inoltre lavoriamo con la Banca Europea degli Investimenti e con l'ultimo accordo abbiamo previsto anche un plafond da 20milioni di euro da parte della Bei per favorire le start up costituite negli ultimi 4 anni e le aziende che hanno assunto o assumeranno almeno un giovane (di massimo 29 anni) nell'arco dei 6 mesi precedenti o successivi alla richiesta.
Il plafond è anche dedicato al sostegno delle aziende che promuovono la formazione professionale o che promuovono accordi di cooperazione con scuole, istituti tecnici e università per offrire stage estivi per giovani, o ancora, a favore di quelle aziende in cui la maggioranza della compagine sociale è costituita da giovani".

Banca Sella sostiene le nuove generazioni: l'importanza della formazione

"In un mercato del lavoro che richiede sempre maggiori specializzazioni, la formazione riveste una importanza fondamentale. Come Banca Sella offriamo agli studenti il "Prestito d'Onore", un finanziamento concesso a favore di studenti, laureati e /o persone già inserite nel mondo del lavoro per la frequentazione di master post universitari italiani o internazionali. La copertura del prestito, del valore massimo di 30mila euro, include il costo del master e parte delle spese per l'alloggio. La restituzione inizia dopo sei mesi dalla fine del master e comunque non oltre i 30 mesi, così da permettere allo studente di avere il tempo di entrare nel mondo del lavoro e il rimborso può avvenire per un periodo lungo fino a 84 mesi.

Sono previste inoltre possibilità di condizioni agevolate di accesso al finanziamento anche grazie alle convenzioni siglate tra Banca Sella e importanti università e scuole di specializzazione, come la Business School de Il Sole 24 ore, l'Università Bocconi, la School of Management del Politecnico di Milano e l'Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo".

DA LEGGERE: Prestito d'onore per avviare un'attività: ecco come funziona

Prestiti agevolati Banca Sella: i requisiti d'accesso

"Per il Prestito d'Onore la valutazione avviene principalmente sulla base di aspetti qualitativi e non quantitativi. Si esamina in maniera particolare il curriculum dello studente, più questo è "di alto livello" più ci sono possibilità che il corso di specializzazione che andrà a intraprendere gli garantisca l'entrata nel mondo del lavoro. Un'altra valutazione avviene sulla validità del corso prescelto. A questi aspetti si aggiungono la motivazione e le aspettative/aspirazioni che spingono il giovane a richiedere il prestito per intraprendere la strada prescelta.

In termini generali, invece, la valutazione per l'accesso ai prestiti personali per finalità diverse da quelle evidenziate per il Prestito d'Onore è fatta considerando la capacità di rimborsare il prestito come proporzione tra la retribuzione e l'importo della rata".

Il futuro dei giovani nel mondo del lavoro: i prestiti agevolati nei progetti di Banca Sella

"Banca Sella continua nel progetto di Prestito d'Onore sostenendo la formazione dei giovani anche con progetti specifici come ad esempio il progetto UptoYou con il Politecnico di Torino e la Fondazione Agnelli. La banca ha inoltre aderito al Protocollo d'Intesa siglato nel 2011 tra ABI e la Presidenza del Consiglio dei Ministri per l'avvio del Fondo di garanzia per l'accesso al credito con condizioni agevolate, ai giovani di età compresa tra i 18 e 40 anni che sono iscritti a un corso di laurea, a un master universitario, a un dottorato di ricerca all'estero o a un corso di lingue riconosciuto da un ente certificatore".

Oltre ai dettagli sull'offerta di Banca Sella e sulla loro filosofia di credito per i giovani, abbiamo approfittato di Alessandra Pissinis dell'Area Prodotti del Credito di Banca Sella per avere un parere autorevole dal punto di vista economico e creditizio sul nuovo contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti sancito dal Jobs Act del Governo Renzi: "Ai nuovi contratti sono applicati gli stessi criteri di valutazione del merito creditizio e di offerta commerciale previsti per i "vecchi" contratti. La nostra offerta attuale per clienti con contratti a tutele crescenti, infatti, è identica a quella dei clienti con contratti ordinari. In questo modo intendiamo supportare coloro che sono inseriti nel mondo del lavoro con una normativa che valorizza la continuità indipendentemente dalla tipologia di contratto".