Il Ministero delle Finanze e la Banca d'Italia hanno stabilito i nuovi tassi di interesse per il 1° trimestre del 2016: questi tassi saranno in vigore dal 1° gennaio al 31 marzo per diverse operazioni di credito. Ad esempio, se stai confrontando le diverse offerte di prestito personale presenti sul mercato, è necessario sapere che i tassi di interesse hanno subito delle variazioni.

Quali sono le operazioni di credito che prevedono nuovi tassi di interessi?

Le operazioni di credito interessate dalla novità ministeriale sono tra le più diffuse nel panorama del mercato del credito; quando si vuole richiedere credito bisognerà sapere che i tassi sono cambiati per queste tipologie di operazioni riportate nella tabella sottostante.

Operazioni

Classi di importo
(in Euro)

Tassi Effettivi Globali Medi (su base annua)

Tassi Soglia
(su base annua)

Aperture di credito in conto

corrente

fino a 5.000
oltre 5.000

11,67
9,54

18,59
15,9250

Scoperti senza affidamento

fino a 1.500 oltre 1.500

16,07
14,94

24,07
22,6750

Anticipi e sconti

fino a 5.000
da 5.000 a 100.000
oltre 100.000

9,72
7,76
4,80

16,15
13,7000
10,0000

Factoring

fino a 50.000
oltre 50.000

5,54
3,75

10,93
8,6875

Crediti personali

intera distribuzione

11,33

18,16

Altri finanziamenti alle famiglie

e alle imprese

intera distribuzione

10,66

17,33

Prestiti contro cessione del

quinto dello stipendio e della

pensione

fino a 5.000
oltre 5.000

12,2
10,99

19,25
17,7375

Leasing autoveicoli e aeronavali

fino a 25.000
oltre 25.000

6,92
6,53

12,65
12,1625

Leasing immobiliare a tasso

fisso

intera distribuzione

4,47

9,59

Leasing immobiliare a tasso

variabile

intera distribuzione

3,75

8,69

Leasing strumentale

fino a 25.000
oltre 25.000

8,31
4,71

14,39
9,8875

Credito finalizzato

fino a 5.000
oltre 5.000

12,11
9,68

19,14
16,1000

Credito revolving

fino a 5.000
oltre 5.000 1

16,44
13,57

24,44
20,9625

Mutui a tasso fisso

intera distribuzione

3,6

8,5

Mutui a tasso variabile

intera distribuzione

2,83

7,54

Il tasso soglia, ovvero quello indicato dal Ministero e dalla Banca, è rimasto invariato per i mutui a tasso fisso, mentre è diminuito per i mutui a tasso variabile.

Per un'altra formula molto importante per i consumatori, ovvero il prestito tramite cessione del quinto, il tasso soglia è in aumento per gli importi fino a 5mila euro e in calo per quelli al di sopra.

DA LEGGERE: Prestito con cessione del quinto, i nuovi tassi soglia

Tassi soglia e tassi usurari: il Fondo prevenzione usura gestito da Adiconsum

Qualora ci si imbattesse in un tasso di interesse usurario, cioè superiore al tasso soglia indicato da Ministero e Banca d'Italia, Adiconsum, l'Associazione a difesa dei consumatori promossa dalla CISL, permette di accedere al Fondo prevenzione usura, che viene incontro alle esigenze dei singoli e delle famiglie vittime di sovraindebitamento o usura.

Coloro che si trovano in effettivo stato di bisogno possono compilare la domanda di accesso al Fondo che verrà presa in carico da un apposito Comitato, che delibererà sulla decisione di fornire o meno le Garanzie previste dal Ministero del Tesoro.