Al via "Nuove imprese a Tasso Zero". Il progetto lanciato da Invitalia prevede l'erogazione di finanziamenti alle imprese e si rivolge ai giovani e alle donne che hanno in cantiere il lancio di una nuova attività imprenditoriale o che hanno fondato un'azienda da non più di un anno dal momento della presentazione della domanda.

In scia al successo dei finanziamenti per giovani dello scorso anno, Invitalia mette nel piatto una cifra pari a 50 milioni di euro di finanziamenti alle imprese che puntano a spingere gli investimenti in attività imprenditoriali e il lancio di nuove aziende.

Finanziamenti alle imprese, la domanda

La domanda potrà essere presentata dal 13 gennaio 2016 via web ad Invitalia che si occuperà di valutare ogni singolo caso ed eventualmente di procedere all'erogazione del finanziamento. Non è prevista alcuna graduatoria e la valutazione avverrà in ordine cronologico, in base alla data di ricezione delle singole domande.

DA LEGGERE: Prestiti alle imprese in calo a novembre

In caso di accettazione della domanda, prima dell'erogazione del finanziamento i diretti interessati saranno convocati nella sede di Invitalia per un colloquio con dei professionisti.

Al fine di ottenere l'erogazione del finanziamento, le aziende in questione devono essere composte principalmente da giovani fino ai 35 anni e da donne (per queste ultime non è previsto un limite d'età).

Ognuna delle imprese in questione può richiedere fino a un massimo di 1,5 milioni di euro. Il finanziamento, da rimborsare in un periodo massimo di otto anni, è a tasso zero e copre fino al 75% dell'investimento.

Prestiti per le imprese, le attività finanziabili

Tra le attività oggetto del finanziamento, ci sono la trasformazione di prodotti agricoli; la produzione in ambito artigianato e industria; il commercio di beni e servizi, attività nell'ambito del turismo e della cultura, la fornitura di servizi ad aziende o a persone. Sono invece esclusi dal finanziamento il comparto della pesca e la primaria produzione di beni agricoli.

Tra le spese ammesse al finanziamento, ci sono gli investimenti in consulenza, in formazione; licenze, brevetti e marchi; la costruzione, l'acquisto e la ristrutturazione di un'immobile; l'acquisto di un terreno; l'investimento in impianti, attrezzature e macchinari.