Toccano quota 348 miliardi di euro i finanziamenti non rimborsati dalle famiglie e dalle imprese. Somma che ingloba 204 miliardi di sofferenze, 127 miliardi di incagli e 17 miliardi di crediti scaduti. A scattare la fotografia è il Centro Studi di Unimpresa che dopo aver rilevato il calo delle sofferenze bancarie nel mese di ottobre, accende i riflettori sulla crescita dei crediti deteriorati che negli ultimi sei mesi hanno registrato un aumento del 2% toccando quota 8 miliardi di euro.

I prestiti bancari non rimborsati nel periodo compreso, secondo lo studio di Unimpresa, tra il dicembre 2014 e il giugno 2015 ammontano al 23% del totale dei prestiti erogati dagli istituti bancari italiani che sono pari a quota 1.532 miliardi di euro. Nel dettaglio, i finanziamenti che i privati non sono riusciti a rimborsare nel periodo preso in esame ammontano a quota 60 miliardi, mentre sfiorano i 288 miliardi di euro i prestiti bancari non rimborsati dalle imprese.

Erogazioni di finanziamenti, la situazione tra dicembre e giugno

Secondo quanto rilevato dall'associazione, nel periodo che va dal dicembre 2014 al giugno del 2015, le erogazioni di finanziamenti al settore privato sono calate di circa 4 miliardi di euro, mentre le erogazioni di finanziamenti alle imprese hanno registrato una diminuzione di 4,2 miliardi di euro a fronte di un aumento delle erogazioni di finanziamenti alle famiglie pari a 351 milioni.

DA LEGGERE: Finanziamenti alle imprese, premiate 27 aziende pisane

Lo scorso giugno, le erogazioni di finanziamenti hanno sfiorato una diminuzione di 4 miliardi, più precisamente sono calate di 3,9 miliardi di euro rispetto al dato registrato nel mese di dicembre precedente e sono arrivate a superare leggermente i 1.532 miliardi di euro.

I finanziamenti erogati a famiglie e imprese nel mese di giugno

Nel dettaglio, i prestiti alle famiglie nel mese di giugno si sono attestati a 548,5 miliardi di euro in aumento dello 0,06% rispetto al mese di dicembre. Sul totale, i prestiti deteriorati coprivano una fetta pari al 10,9% della torta, le sofferenze bancarie il 7% del totale dei prestiti erogati alle famiglie mentre i prestiti scaduti si limitavano all'1%.

Quanto ai prestiti alle imprese, nel mese di giugno hanno toccato quota 983,8 miliardi di euro, in calo di oltre 4 miliardi rispetto al dato registrato nel mese di dicembre. I crediti deteriorati in questo caso, coprivano il 29,4% del totale; le sofferenze invece coprivano una fetta del 16,9% dei prestiti alle imprese; mentre crediti scaduti, l'1,2% dei prestiti.