Conto alla rovescia sul prestito vitalizio ipotecario. Perché entro fine anno sarà pubblicato il regolamento attuativo che lo disciplina. Le rassicurazioni arrivano da parte del Mise - il Ministero dello Sviluppo Economico – il quale garantisce che la pubblicazione del regolamento attuativo della norma rivisitata nel marzo 2015 rispetterà la scadenza prevista per la fine di quest'anno.

Gli over 60 a partire dal prossimo anno, in alternativa al mutuo per nuda proprietà, potranno ottenere da subito un finanziamento il cui valore potrà arrivare a toccare il 50% del valore dell'immobile.

Prestito ipotecario vitalizio, a chi è rivolto

Potranno richiedere il prestito i soggetti proprietari di immobili facilmente commerciabili. Il proprietario dovrà assicurare all'istituto che eroga il finanziamento la manutenzione ordinaria del bene. Quanto alla manutenzione straordinaria, sarà necessaria una approvazione scritta da parte dell'istituto.

DA LEGGERE: Prestiti alle imprese e alle famiglie, frena il calo a novembre

Per ottenere un prestito vitalizio ipotecario è necessario assicurare una garanzia ipotecaria sull'immobile in cui si risiede e non bisogna provvedere al rimborso per tutta la durata della propria vita. Si può decidere di estinguere il prestito in qualsiasi momento e ridurre gli interessi attraverso rimborsi a rate.

Prestito Ipotecario vitalizio, la riforma

La riforma sul prestito vitalizio ipotecario, diventata legge nel maggio scorso, prevede che il Ministro dello sviluppo economico in accordo con l'Abi, Associazione Bancaria Italiana e con le Associazioni dei Consumatori, adotti con decreto un regolamento contenente le norme relative all'erogazione e al funzionamento del prestito ipotecario vitalizio, entro tre mesi dall'entrata in vigore delle nuove disposizioni.

L'importo del prestito vitalizio, che deve essere compreso tra il 15% e il 50% del valore dell'immobile, si ottiene calcolando appunto il valore di mercato del bene in questione e tiene conto l'età del richiedente. Maggiore sarà l'età, più alto sarà l'ammontare erogato. I tassi di interesse possono essere sia fissi sia variabili.