Annunciato il rinnovo della convenzione tra Fondazione Cariparma, associazione Ricrediti e Cariparma Crédit Agricole che dà una spinta alla richiesta di prestiti per supportare la lotta all'impasse economico. Il progetto, grazie all'introduzione del credito per l' inclusione sociale, già lanciato nel 2012, ha messo a disposizione di 43 nuclei familiari residenti a Parma e provincia un fondo di finanziamenti per far fronte alle difficoltà economiche.

Il fondo per l' inclusione agevola l' erogazione di prestiti da parte di Cariparma nei confronti di quelle persone che non dispongono delle garanzie necessarie all'accesso al credito. Infatti tra i primi passi da compiere, c'è l'idea di stanziare un fondo per l'inclusione sociale che vada incontro alla richiesta di prestiti da parte di soggetti disagiati da un punto di vista economico e sociale, come ad esempio neo-dispoccupati e che consenta erogazioni di prestiti fino a 10.000 euro.

Prestiti agevolati, il successo del progetto

Guardando al progetto partito nel passato, nel dettaglio, dal novembre dell'anno 2012 fino ad oggi, su 200 richieste di prestiti, ne sono state accolte 43 con un ammontare complessivo che ha oltrepassato quota 230.000 euro.

DA LEGGERE: Finanziamenti a privati, segno più a novembre

Quanto alla richiesta di prestito complessiva, 10 finanziamenti sono stati concessi alle piccole imprese per un importo complessivo che ha di poco oltrepassato la soglia dei 108.000 euro. Mentre 33, pari all'importo di 122.000 euro, avevano carattere d'urgenza.

Prestiti agevolati, i piani in cantiere

Il progetto, inoltre, agevola la richiesta di prestiti da parte delle piccole e medie imprese purchè siano nate da non più di due anni e non siano state fallibili oltre i limiti previsti dal codice civile. E supporta i giovani.

Grazie al microcredito infatti l'iniziativa promossa da Fondazione Cariparma in collaborazione con associazione Ricrediti e Cariparma Crédit Agricole, spinge gli studenti a portare avanti il proprio percorso di studi e i giovani imprenditori a investire e a lanciare attività innovative.

Sul tavolo infatti, tra i vari piani in cantiere, ci sono l'erogazione di prestiti finalizzati al pagamento di corsi di laurea, corsi di formazione e master nonché l'erogazione di un prestito fino a 20.000 per la fondazione di nuove attività imprenditoriali.