Partiamo da un dato sicuramente positivo: rispetto al 2014 la domanda interna è cresciuta dell'1,6%, dopo un epocale stop di 4-5 anni dettato dalla recessione economica che ha imperversato sul nostro Paese. Nonostante ci sia un aumento della richiesta di prestiti da parte dei nuclei familiari, latitano i finanziamenti alle imprese e, cosa più preoccupante, le banche del Veneto hanno un'elevata quantità di crediti deteriorati, conseguenza della crisi e di una politica quantomeno azzardata per quanto riguarda il settore dei prestiti.

Diamo i numeri: prendendo in considerazione uno stock di 96miliardi di euro di prestiti concessi dalle banche alle imprese, le sofferenze vere e proprie ammontano al 19%, che nonostante possa sembrare una percentuale bassa, equivale a una cifra enorme, oltre 18miliardi.

Finanziamenti alle imprese: aggiornamento di Bankitalia

L'aggiornamento semestrale presentato da Bankitalia emerge che le sofferenze nel settore delle costruzioni supera il 50%, ma nel complesso c'è una soddisfazione dettata dalla ripresa dei consumi interni, dall'export veneto che è cresciuto nei primi 6 mesi del 2015 del 6% rispetto al 2014, dal turismo in crescita, dalle compravendite di immobili e da altri fattori tra cui spiccano le vendite al dettaglio e il traffico dei veicoli pesanti sulla rete autostradale (+3,1%), che è significativo per valutare la verve economica di un'area.

DA LEGGERE: Prestiti alle imprese: Italia più conveniente della Germania

Occupazione: un altro fattore positivo

La lenta uscita dalla recessione, la ripresa dei consumi e la crescita dei prestiti, almeno familiari, è anche dovuta al fattore occupazione: l'aumento dei contratti a tempo indeterminato ha sancito la crescita delle posizioni lavorative di 75mila dipendenti, questo, come scrive il rapporto, è favorito dagli sgravi contributivi e dalle nuove normative sul licenziamento individuale indicate dal Jobs Act.
Nel rapporto di Bankitalia viene specificato che il merito della crescita degli occupati è ripartito nella seguente maniera:

  • ¾ è merito della ripresa economica;

  • ¼ è, invece, merito dei provvedimenti governativi nel settore del lavoro;

  • all'interno di questi provvedimenti 2/3 del successo è merito degli sgravi fiscali, 1/3 del Jobs Act.

Le difficoltà delle due banche Popolari del Veneto

Nonostante questi dati positivi, il rapporto Bankitalia ha anche evidenziato i motivi delle difficoltà delle due banche Popolari veneti: innanzitutto l'errore più importante è stata l'elevata valutazione delle proprie azioni, in secondo luogo, la realizzazione di parte degli aumenti di capitale tramite la concessione di finanziamenti in cambio dell'acquisto di azioni, cosa non permessa.
Bankitalia è fiduciosa,
sostiene che le Popolari venete potranno risollevarsi con la trasformazione in Spa che stabilizzeranno prestiti e azioni.