Aumentano le tutele alle famiglie colpite da calamità naturali che, qualora abbiano effettuato una richiesta di prestito personale e stiano provvedendo al rimborso, beneficeranno di misure di sospensione delle rate di finanziamento. E' quanto stabilito nel protocollo d'intesa siglato tra l'Abi, le Associazioni dei consumatori e il Dipartimento della Protezione civile di sostegno alle famiglie in difficoltà a seguito delle calamità naturali. L'intesa, firmata lo scorso 26 ottobre, rientra nel progetto "Crediamoci", lanciato nel febbraio del 2015 dall'Abi in collaborazione con le Associazioni dei consumatori.

Sospensione rate prestito, le misure dell'intesa

Tra gli obiettivi dell'accordo c'è innanzitutto l'intento di assicurare rapidità e trasparenza nelle operazioni di sospensione rate delle varie tipologie di finanziamento erogati dagli istituti bancari e ridurre le incertezze interpretative e operative al momento dell'attuazione delle misure da adottare. Inoltre si punta a garantire parità di trattamento a tutte le famiglie colpite da calamità naturali nonchè a chiarire gli adempimenti a carico delle banche e dei consumatori.

DA LEGGERE: Banca Sella, prestiti a pmi per pagare le tredicesime

In ultimo si è posto l'accento anche sull'importanza di fornire ai consumatori tutte le informazioni necessarie sulle modalità, sui tempi nonché sui costi dell'operazione di sospensione rate prestito richiesto.

Protocollo d'intesa e "Crediamoci"

Oltre che le misure di sospensione rate prestito, sul tavolo c'erano anche una serie di iniziative volte a garantire il sostegno alle famiglie consumatrici italiane sia da parte del settore bancario sia da parte degli interlocutori pubblici e privati.

Il progetto "Crediamoci" entro cui si inserisce il protocollo d'intesa - siglato da Abi e Associazioni dei consumatori e Dipartimento della Protezione civile di sostegno alle famiglie in difficoltà a seguito delle calamità naturali – è un'iniziativa di cadenza biennale che mira a sostenere e far crescere il credito dei consumatori attraverso il supporto alle famiglie in difficoltà e alla facilitazione dell'accesso al credito.