Approvato un pacchetto di prestiti per pmi in Europa e nel mondo. Saranno più di 12 i miliardi stanziati con l'obiettivo di supportare innanzitutto le banche locali per facilitare l'erogazione di prestiti per pmi che hanno in cantiere investimenti per la crescita. Ma anche a sostegno di investimenti i innovazione industriale, energia, in social housing e ancora per finanziare nuovi progetti e lavori in strade, ferrovie e ospedali.

Lo mette nero su bianco in una nota la BEI, la Banca Europea per gli Investimenti che ha riservato più di 3,2 milioni di euro ai prestiti per pmi puntando ad agevolare i finanziamenti alle pmi erogati dalle banche locali che supportano gli investimenti di piccole e medie imprese in diversi Paesi europei. Tra gli altri, c'è proprio l'Italia ma anche la Spagna, il Portogallo, l'isola di Cipro, il Belgio, il Lussemburgo, la Georgia e la Turchia.

Sempre con un occhio puntato all'Italia, la Banca Europea per gli investimenti non ha dimenticato il caso Emilia Romagna cui è destinata una frazione di prestiti: si aggira attorno a quota un miliardo la cifra approvata e destinata alla ricostruzione sia di imprese che di abitazioni nella regione italiana colpita dal terremoto nel mese di maggio del 2012.

DA LEGGERE: CreditExpress Mini, il prestito in piccola taglia di Unicredit

Secondo quanto dichiarato dal presidente della Banca Europea per gli investimenti Werner Hoyer, la BEI non si occupa soltanto si dare una spinta e un supporto a settore privato, agli investimenti in innovazione e un sostegno alle infrastrutture di un certo livello. Il presidente sottolinea che la BEI non si tira indietro nei momenti critici per l'umanità e si impegna anche a fornire supporto finanziario in caso di emergenze umanitarie nonchè di catastrofi ambientali.

Tra i progetti sul tavolo della Banca Europea per gli investimenti infatti spicca anche anche il primo supporto per i rifugiati e per l'efficientamento dei servizi volti a migliorare le modalità di accoglienza per i richiedenti asilo, un piano finanziario già proposto ma mai approvato ancora fino ad ora. E' pari a 120 milioni di euro il prestito che aiutare le autorità locali a fornire alloggio ai rifugiati e alle persone che cercano asilo nei confini dello stato di Brandeburgo.