L'evoluzione tecnologica investe a passo di tigre anche il comparto dei finanziamenti. Sono sempre più gli istituti bancari infatti che concedono prestiti ecologici al fine di incentivare la realizzazione di impianti produttori di energia elettrica. Questi prestiti per il fotovoltaico fanno bene all'ambiente perchè nascono proprio con l'obiettivo di incentivare singoli e aziende all'utilizzo dell'energia rinnovabile. 

Tra le banche che si mettono al servizio dell'ecologia c'è Banca Sella che propone il cosiddetto prestito per energia pulita. Questa tipologia di finanziamento punta a supportare gli investimenti in impianti alimentati a fonti rinnovabili tra cui biomasse, biogas, eolico, idroelettrico. Dunque si rivolge a enti e imprese che rendere green la propria azienda.

Il prestito per energia pulita di Banca Sella: rischi e vantaggi

Il prestito per energia pulita di banca Sella copre la totalità dei costi sostenuti e dura fino a un massimo di 180 mesi. Il prestito ecologico di banca Sella è rivolto a enti e imprese. Il tasso può essere sia variabile che fisso.

DA LEGGERE: Il crowdfunding accelera in Italia nel 2015

Il tasso variabile è indicizzato all'Euribor tenuto conto della media degli ultimi 3/6 mesi e lo spread al merito creditizio, il tasso fisso invece fa riferimento alle quotazioni medie dei tassi IRS in Borsa e allo spread al merito creditizio. In base alla scelta del tasso, si corrono dei rischi specifici da valutare prima di effettuare la scelta. In caso di tasso variabile non c'è trasparenza sulle rate future, variano al variare del tasso e quindi possono aumentare o anche diminuire. In caso si opti per il tasso fisso, non si può beneficiare di eventuali riduzioni della rata dovute, ma in compenso si ha la certezza che questa non aumenti.

Questo finanziamento nato con l'obiettivo di incentivare le aziende all'utilizzo dell'energia rinnovabile e poi il passaggio dagli impianti tradizionali a quelli ecosostenibili supporta l'acquisto degli impianti e dei mezzi di trasporto ecologico regalando al pianeta energia pulita e tagli di costi al portafoglio dell'azienda che vede scendere sia gli importi della di energia elettrica sia anche i costi del carburante.