Importanti novità in arrivo per tutti gli studenti che vogliano partire con l'ormai famoso programma Erasmus, che permette di studiare per un determinato periodo nelle Università di altri Paesi europei. In particolare, le novità riguardano i fondi messi a disposizione: chi parte per l'Erasmus, infatti, deve affrontare delle spese e quindi può avere necessità di trovare un prestito conveniente per sostenerle.

Chi vuole partecipare al programma Erasmus, infatti, dovrà mettere i migliori finanziamenti a confronto: per partire, infatti, gli studenti potranno richiedere un prestito d'onore e così finanziare il loro viaggio in uno dei Paesi aderenti al programma.

L'Europa quindi, invita i giovani ad adottare una forma di autofinanziamento per gli studi all'estero, molto simile a quella ormai diffusissima negli Stati Uniti. I prestiti per studenti, ovviamente, hanno dei tassi d'interesse più favorevoli rispetto a quelli tradizionali e spesso si configurano come veri e propri prestiti d'onore: vengono cioè erogati in virtù di particolari meriti universitari e vengono rimborsati solo dopo che lo studente ha concluso la propria carriera accademica.

Le altre novità del programma Erasmus riguardano le borse di studio offerte ai partecipanti: non avranno più un importo standard e prestabilito, ma saranno calibrate in base al costo della vita del Paese ospitante. Questo adeguamento sarà possibile anche grazie all'aumento dei fondi stanziati per il programma: 14,7 miliardi di euro per il 2014-2020, contro gli 8 miliardi stanziati nel 2007.

"L'Erasmus - ha commentato il ministro dell'istruzione Stefania Giannini - è stato la terza rivoluzione europea dopo quella industriale e la rivoluzione francese, un motore per la circolazione del pensiero. Per ora questo programma però rimane una scelta opzionale. Noi possiamo trasformare il sogno in realtà, magari proprio durante il semestre europeo di presidenza italiana, rendendo l'Erasmus un segmento curriculare dei piani di studio universitari".

A testimoniare la bontà del programma Erasmus, il numero sempre crescente di giovani che vi partecipano: dai 182.697 studenti del 2007 a quasi 300 mila nel 2013.