Quali criteri verranno considerati per accogliere le domande per il Bonus Bebè 2014? Verrà riproposto il Bonus Bebè Inps del 2013? Restano dei quesiti irrisolti a seguito della presentazione della possibilità di prestito a condizioni agevolate per il nuovo Bonus Bebè, si attende in particolare che venga emanato dal Governo il relativo decreto.

Bonus Bebè 2014, ancora niente decreto

Come ha di recente sottolineato Il Fatto Quotidiano, per il Bonus Bebè 2014 non sono ancora chiari i criteri di erogazione dei prestiti agevolati (con Taeg non superiore al 50% del Tegm, il Tasso Effettivo Globale Medio). Tali prestiti, fino a 5 mila euro e da restituire in massimo 5 anni, possono essere richiesti in banca dai neo genitori, ma l'accoglimento delle domande non è automatico. Per Il Fatto l'unica sicurezza è che "per stilare la graduatoria dei beneficiari si utilizzerà sempre l'Isee, vale a dire l'indicatore della situazione economica equivalente che consentirà di appurare quali famiglia abbiano più bisogno del prestito".

Difatti questa come altre questioni in merito al Bonus Bebè 2014 sono in attesa dei chiarimenti che dovrebbero giungere con l'emanazione dell'apposito decreto, per il quale ancora non si ha una data precisa.

Il Bonus Bebè INPS 2013 tornerà nel 2014?

Inoltre ancora non è chiaro se il Bonus Bebè INPS del 2013, che consisteva in voucher da 300 euro al mese per 6 mesi, spendibili per servizi di baby sitting e asili nido, tornerà oppure no nell'anno in corso. Fin dalla prima presentazione del prestito agevolato per i neo genitori è una domanda che in molti si sono posti. Al momento appare più probabile che il Bonus Bebè INPS del 2013 non verrà riproposto, ma si attendono ulteriori delucidazioni in merito.