Per venire incontro alle difficoltà economiche dei consumatori italiani, i quali devono da anni fronteggiare la prolungata recessione e la preoccupante disoccupazione, il governo delle larghe intese ha approvato poco prima delle festività natalizie, la legge di Stabilità, ri-stanziando 250 milioni di euro per i fondi per la Social Card e per i Bonus bebè.

La carta "Ordinaria" permetterà ai consumatori di usufruire di 40 euro al mese per pagare le utenze fisse, o fare acquisti di generi alimentari oppure di ottenere sconti, inoltre per evitare raggiri e frodi è necessaria la compilazione specifica dell'"Isee", e aver compiuto 65 anni, inoltre nel 2014 potranno richiederla direttamente al comune di residenza anche i cittadini extracomunitari con regolare permesso di soggiorno.

I fondi stanziati per 300 milioni di euro serviranno per coprire le spese anche della "Social Card Straordinaria" per aiutare il mezzogiorno e sarà disponibile in tutti i comuni anche per il 2015, quest'ultima ha requisiti più severi e richiede la presenza di almeno un figlio minore nel certificato di stato di famiglia inoltre si potrà utilizzare soltanto in alcuni esercizi commerciali.

Ma non finisce qui, saranno messi a disposizione i 22 milioni di euro stanziati per il "Fondo nuovi nati", attraverso "l'assegno di maternità e il bonus bebè", infatti, il governo Letta riprendendo la legge Fornero, e attraverso le nuove misure, sosterrà le mamme lavoratrici nel pagamento della retta mensile, con l'erogazione di 300 euro per un massimo di 6 mesi, per bimbi di un anno, sia naturali sia adottati; per l'erogazione del "Bonus Bebè" si dovrà attendere la pubblicazione del bando sul sito online dell'Inps prevista per luglio.