Prestiti agevolati Inps 2014 in favore di dipendenti pubblici e pensionati al via con l'emanazione del regolamento del Governo Letta che dà attuazione al decreto del 1 ottobre 2013.

Prestiti agevolati INPS 2014

Tale decreto dello scorso ottobre 2013 rimanda ad un regolamento ad hoc del Governo per l'attuazione dei cosiddetti prestiti Inps 2014, prestiti agevolati per pensionati e dipendenti pubblici. Nei prestiti Inps agevolati oggetto del decreto prima e del regolamento poi sono prestiti di importo esiguo, ossia quelli con importi finanziabili da 1 fino a 4 mensilità medie nette di stipendio o di pensione. Il rimborso potrà avvenire in 12, 24, 36 o 48 rate mensili.

DA LEGGERE: Guida al prestito INPS ex Inpdap per dipendenti statali

Prestiti agevolati INPS: il Fondo

Tali prestiti agevolati l'istituto nazionale di previdenza sociali li finanzia con un proprio fondo, che viene detto "Gestione unitaria autonoma delle prestazioni creditizie e sociali". Possono accedere al fondo in questione precisi soggetti come quelli iscritti alla Gestione Dipendenti Pubblici Inps e i lavoratori e pensionati pubblici di altre amministrazioni. Il regolamento ad hoc che attua il Governo per dare attuazione a questo fondo e quindi all'erogazione dei prestiti INPS agevolati 2014 prevede delle novità importanti. Tra queste novità troviamo l'istituzione di una graduatoria che si fonda sul reddito dando così priorità per l'accesso ai prestiti INPS agevolati 2014 le famiglie che si trovano in condizioni economiche disagiate, nonché l'istituzione anche di una graduatoria per i mutui ipotecari sulla prima casa a rango provinciale.