L'arrivo di un bebè porta oltre alla gioia della nuova nascita anche molte spese che lo Stato ha deciso di alleviare alle famiglia con l'introduzione di quello che è stato chiamato Bonus Bebè, previsto anche per questo 2014.

Però quest'anno lo stanziamento per i nuovi nati cambia nella sua forma non essendo pià una contributo a fondo perduto ma un prestito fornito a condizioni agevolate alle famiglie con nuovi arrivati.

Nella Legge di Stabilità varata lo scorso dicembre ed entrata in vigore il 1°gennaio 2014, è previsto lo stanziamento di 30 milioni di euro come sostegno alle famiglie con nuovi nati, stanziamenti che saranno erogati in accordo l'Abi attraverso prestiti a tassi d'interesse agevolati.

Bonus Bebè 2014: chi può richiederlo

Possono richiedere il Bonus Bebè 2014 tutti i genitori di figli venuti al mondo i adottati tra il 1 gennaio 2012 e il 2014, non ci sono limiti di reddito. Il limite del finanziamento è di 5000 euro che si potranno restituire entro 5 anni con un tasso di interesse agevolato inferiore di almeno del 50% di quelli attuati mediamente.

Le famiglie che decidono di usufruire del Bonus Bebè potranno farlo contattando una delle banche che aderiscono all'iniziativa entro il 30 giugno successivo alla nascita o alla adozione del proprio figlio, compilare i moduli necessari e fornire alla banca la documentazione necessaria per adempiere alla richiesta. L'importo andrà concordato comunque con la banca e potrà essere restituito o in un'unica soluzione o con rate mensili, semestrali o annuali, comunque concordate con la banca.