Il bando per i prestiti microcredito della Regione Puglia è stato implementato con il secondo avviso. Esso è rivolto alle piccole imprese che operano nel settore dei servizi turistici e nella ristorazione, così come a quelle che offrono servizi di trasporto e magazzinaggio.

Si tratta di un secondo avviso che la Regione Puglia ha pubblicato sul Bollettino della Gazzetta Ufficiale n.152 del 21 novembre 213 per disciplinare l'accesso al Fondo Microcredito d'Impresa, aggiungendo i nuovi settori inclusi nel prestito con la formula del microcredito.

Destinatari del microcredito in Puglia

Sono destinatarie dei prestiti le piccole imprese che offrono alloggio, come gli affittacamere ed i Bed and Breakfast, oppure le imprese che offrono servizi di ristorazione, come pub, trattorie e gelaterie. Infine sono incluse le piccole imprese, che offrono trasporto e magazzinaggio.

Le piccole imprese che possono accedere alla richiesta del prestito devono essere site nella regione Puglia, la loro forma giuridica dovrà essere tra le seguenti: srl semplificata, snc, Sas, ditta individuale, società cooperativa, associazione tra professionisti.

L'importo dei finanziamenti che sarà concesso alle micro imprese andrà da un minimo di 5mila euro ad una cifra massima di 25mila euro.

La modalità di erogazione del microcredito sarà il versamento sotto forma di mutui chirografari. Il Fondo stanziato raggiunge la cifra di 40 milioni di euro.

La durata del piano di rientro sarà di sessanta mesi, proprio per favorire le piccole realtà pugliesi, che potrebbero risollevarsi grazie all'iniziativa. In questo modo le piccole imprese potranno continuare ad esistere e continuare ad offrire nel proprio piccolo, occupazione ai cittadini pugliesi.

Come accedere alla domanda

Sul sito web della Regione Puglia si potrà compilare la domanda preliminare da inviare online entrando nella sezione "Bando Microcredito".