Nel mare di tasse che invadono le famiglie italiane, una buona notizia arriva in vista del nuovo anno: tra gli emendamenti presenti nella Legge di Stabilità discussa in queste settimane dal governo Letta, c'è infatti anche il Bonus bebè che riguarda le misure economiche rivolte alle nuove famiglie e, precipuamente, ai nuovi nati e gli adottati.

Dopo il voucher di 300 euro inserito dalla legge Fornero, l'attuale esecutivo ha studiato una nuova formula di finanziamento volto a favorire l'innalzamento del tasso di natalità del nostro Paese: uno stanziamento di 22 milioni di euro è stato infatti previsto dal Fondo Nuovi nati del Dipartimento per le politiche della famiglia, con il quale si erogheranno prestiti a tassi agevolati ai nuclei che hanno visto l'arrivo in famiglia di un neonato e di un bambino adottato. L'importo massimo erogabile è di 5 mila euro e potranno accedere al finanziamento i genitori di bambini nati o adottati nel 2013 o nel 2014.

Informazioni precise possono essere raccolte sul sito Fondonuovinati.it, portale attraverso il quale si può avere accesso all'elenco completo degli istituti di credito che hanno partecipato all'iniziativa e ai quali andrà presentata la domanda: il termine ultimo per presentare tutta la documentazione è fissato al 30 giugno dell'anno successivo alla nascita o l'adozione.

La somma che verrà concessa potrà essere utilizzata per qualsiasi genere di spesa e dovrà essere rimborsata, in una tranche o a rate, entro cinque anni.