Prestiti agevolati Regione Toscana - La difficile situazione economica che sta caratterizzando l' intero Paese in questi ultimi anni, fa spesso parlare del problema dei disoccupati e dei cassaintegrati che, indubbiamente, rappresenta una piaga sociale non indifferente. Con altrettanta frequenza, inoltre, si parla della difficoltà di molti lavoratori, siano essi dipendenti che autonomi, a far quadrare i conti. Tuttavia, a fianco a queste due tristi realtà, ce ne è una terza, quasi invisibile, che pare catturare meno l' attenzione dei media. Ci si riferisce, nello specifico, a quelle persone che, pur avendo un lavoro, non percepiscono lo stipendio. E ciò, va precisato, accade tanto per il pubblico quanto nel privato.

Sensibile a tale problema, la Regione Toscana ha da poco fatto un accordo con undici gruppi bancari operanti sul territorio istituendo un fondo annuo di cinque milioni di euro per la durata di tre anni il cui obiettivo è aiutare quei lavoratori dipendenti che non ricevono lo stipendio.

Più precisamente i destinatari di questo speciale prestito saranno i lavoratori:

  • dipendenti;
  • residenti in Toscana;
  • che non ricevono lo stipendio da almeno due mesi.

Naturalmente, sarà data la priorità alle famiglie monoreddito o in cui entrambi i coniugi si trovano in questa situazione.

L'ammontare del prestito è di 3000 euro in un' unica soluzione e che può essere restituito in rate fino a 36 mesi.

Il ruolo della Regione Toscana è duplice:

  • garantire il prestito;
  • pagare gli interessi del 4% nominale annuo. E poiché nel primo anno il lavoratore dovrà solamente restituire gli interessi, l' intervento della regione consentirà loro di restituire il prestito a partire dal tredicesimo mese.