Nella regione Toscana ci si mobilita dopo l'alluvione. Arrivano nuove strategie e mezzi per aiutare gli alluvionati di Ottobre e la regione Toscana ha indetto subito una riunione per decidere il punto della situazione. A presiedere il tavolo dei lavori Il presidente Enrico Rossi insieme agli assessori Anna Rita Bramerini, Vittorio Bugli e Vincenzo Ceccarelli, che ha personalmente incontrato i sindaci dei Comuni e i presidenti della Provincia. Il tavolo di discussione si è aperto dopo la violenta alluvione che ha colpito, tra il 21 e 24 Ottobre, gran parte della regione Toscana.

Le tre azioni della regione Toscana contro i danni dell'alluvione

Al termine del tavolo di discussione è stata approvata, quindi, una risoluzione di tre manovre per rimediare ai danni dell'alluvione che ha colpito le zone della regione, con il consenso della maggioranza degli astanti.

1 Una legge della regione toscana darà un bonus di 3000 euro alle famiglie con un reddito inferiore ai 36mila euro e con l'abitazione colpita dall'alluvione

2. Le imprese toscane , grazie a Fidi Toscana, potranno richiedere dei prestiti agevolati con un pre-ammortamento di 18 mesi al massimo

3. La regione Toscana si è impegnata ad inviare al capo della Protezione civile Franco Gabrielli e alla Presidenza del consiglio la richiesta urgente di 21 milioni di euro per rimediare agli ingenti danni causati dall'alluvione.

"Di fronte a questa ultima emergenza - ha detto il presidente Rossi - è quanto mai necessario lavorare insieme per la piena attuazione della legge n.21che prevede che in Toscana non si costruisca nelle zone ad alto rischio idraulico, e della legge n.1 che prevede consumo di suolo zero. E' questa la prevenzione primaria, ed è questo ciò che, insieme alle opere, insieme ai ripristini, siamo chiamati a fare subito".