"Bisogna investire sui giovani", è una delle frasi ricorrenti alle quali siamo abituati, ma come fanno i giovani ad investire su se stessi e sul loro futuro se la crisi li sta inabissando e se non hanno fondi a disposizione per pagarsi gli studi e integrarsi nel mondo del lavoro?

Investire sulla cultura, sui giovani laureati, su nuove attività imprenditoriali è uno dei punti più controversi e discussi in parlamento e di maggior malcontento da parte dell'opinione pubblica. Iscriversi all'Università, dal canto suo, ha un costo davvero elevato e non tutti hanno la possibilità economica per farlo, nonostante lo studio sia un diritto innegabile a tutti.

Raggiungere poi l'obiettivo della Laurea, inoltre, non potrebbe bastare, infatti sono in molti a scegliere, nel post-laurea, di iscriversi ai "sempre più costosi" Master formativi. Per questo motivo la ricerca di prestiti agevolati finalizzati e diretti ai giovani stanno diventando sempre più richiesti e ricercati.

Andiamo a valutare le varie alternative presenti sul mercato.

Il prestito d'onore è una delle forme più convenienti e più richieste dagli studenti. Esso è estinguibile pagando rate trimestrali o semestrali. Questo prestito viene concesso dai vari istituti di credito, in buona parte a fondo perduto. È un prestito flessibile della durata massima di un quinquennio ed è indirizzato a tutti gli studenti che hanno intenzione di conseguire una laurea, pagarsi un Master post laurea, ma anche per finanziarsi progetti imprenditoriali. Esso prevede il pagamento del 60% dell'importo richiesto a fondo perduto e l'altro 40% con il pagamento di rate a tasso agevolato, basta presentare all'istituto di credito il certificato d'iscrizione al corso di laurea o al Master universitario, essere residenti italiani, maggiorenni e disoccupati da almeno 6 mesi.

Altri finanziamenti agevolati dedicati allo studio o alla preparazione scolastica sono presenti sul mercato in diversa formula. Vi proponiamo le tre alternative a nostro parere più interessanti, ricordiamo che è possibile eseguire un preventivo gratuito utilizzando il comparatore Supermoney.

"Unicredit ad honorem" è un finanziamento a tasso fisso finalizzato e diretto a "studenti universitari residenti in Italia". Si può richiedere solo se l'ateneo è partner e quindi convenzionato con Unicredit. In questo caso, basterà fare una richiesta all'Università, la quale vi indicherà sia la procedura che l'esito finale. Il prestito ha una durata di medio-lungo termine che va da un minimo di 1 anno ad un massimo di 15 anni ed ha un piano di ammortamento a rate mensili. Questo prestito è detto "ad onore" perché viene concesso credito allo studente, in base alle spese che lo studente affronterà, senza che questi paghi delle rate durante tutto il ciclo di studi. Usufruendo del cosiddetto "periodo di grazia", si può posticipare l'inizio del rimborso di altri due anni (conteggiandoli comunque negli interessi).

BNL MeritataMente è un prestito basato sulla meritocrazia. Questo è un prestito a tasso agevolato indirizzato a tutti gli studenti che hanno una resa scolastica superiore alla media e hanno bisogno di un prestito di breve durata per finanziamenti su apparecchiature informatiche (importo che va dai 500 ai 1000 euro), o pagare corsi di studi o master post-laurea, partecipare al programma Erasmus, affittare un appartamento (massimo 6000 euro). Per ottenere il credito si valutano parametri quali voto di diploma, di laurea o la stessa media universitaria. Questo prestito non necessita di garanzia, ma richiede solo il merito appena descritto, avere tra i 18 ai 35 anni ed essere residenti in Italia.

BancoPosta Studi infine è rivolto ai genitori che hanno figli studenti alle scuole elementari o medie inferiori (1000 euro), media superiore (2000 euro) o all'Università, corsi professionali o di specializzazione (3000 euro). L'importo complessivo erogabile per ogni singola famiglia è di 5.000 euro e può essere rimborsato pagando rate per un periodo che va dai 12 ai 24 mesi, addebitandole direttamente sul conto BancoPosta. È un prestito disponibile e richiedibile fino al 31 dicembre 2013.