Si chiama Social Lending, il nuovo prestito tra privati. Un nuovo modo più innovativo e veloce per avere dei prestiti dove un soggetto prestatore presta il denaro a uno o più richiedenti. Il Social Lending, il prestito "sociale" tra privati, si identifica come la migliore modalità di accesso al credito alternativa a banche e società finanziarie.

Il Social Lending è un metodo già diffuso negli Stati Uniti, in Germania, Francia e Inghilterra. La richiesta si fa online e si ottiene immediatamente una risposta, che sia negativa o positiva. I tassi di interesse sono ottenuti in base alla storia creditizia del richiedente.

Maurizio Sella di Smartika lo spiega nel dettaglio: "Siamo in Italia da circa un anno e mezzo e abbiamo erogato più di 11 milioni di prestiti; circa 2.000 persone hanno ottenuto un prestito grazie alla nostra piattaforma e abbiamo 5mila persone che invece di investire intitoli dello Stato o altre cose hanno deciso di prestare piccole cifre ad altre persone".

Aggiunge che attualmente il problema non è il tasso ma la possibilità di ottenere il finanziamento "sul nostro sito ci sono 750mila euro pronti ad essere prestati. Il sistema consente di fatto a persone di avere un finanziamento che altrove non riuscirebbero a ottenere". "La storia del social lending nel mondo - termina Sella - dimostra che le persone fisiche sono meglio predisposte a restituire un finanziamento erogato da altre persone fisiche, con tassi di insolvenza attorno allo 0,9%".

Il Social Lending, prestito sociale tra privati, si presenta già come una rivoluzione. Un modo alternativo tra privati per aiutare i giovani e i meno giovani pieni di idee e progetti.