Mantenere i propri figli all'università o anche alle scuole elementari o superiori è ormai un costo che ogni famiglia deve tenere in conto, e in un momento di crisi come quello odierno diventa sempre più difficile. Come sostenere i progetti di studio? La soluzione è offerta da Poste Italiane che ha creato un prestito BancoPosta studi. Vediamo i dettagli.

Prestito BancoPosta studi: le caratteristiche

Sostenere i progetti di studio della propria famiglia è l'obiettivo del prestito banco posta studi di Poste italiane, con cui si possono chiedere prestiti fino a 5.000 euro per nucleo familiare, direttamente sul conto BancoPosta. La domanda di accesso al prestito è possibile inviarla entro il 31 dicembre 2013 presentando presso un Ufficio Postale abilitato un documento d'identità, la tessera sanitaria, un documento di reddito o pensione da lavoro e un certificato di iscrizione alla scuola, all'Università, a corsi professionali o di specializzazione.

Quali importi si possono chiedere?

L'importo del prestito varia da 1000 a 5mila euro a famiglia, distinto in 1000 euro se il figlio frequenta la scuola elementare o la scuola media inferiore, 2.000 euro se frequenta la scuola media superiore e 3.000 euro se invece è iscritto all'università, a corsi professionali o di specializzazione. La durata del prestito varia da un anno a 24 mesi e il TAN è fisso a 8,10%. La particolarità del prestito BancoPosta studi è che le spese di istruttoria, di incasso rata e quelle per l'invio delle comunicazioni periodiche sono gratuite. Il prestito è rivolto ovviamente ai titolari di bancoposta e l'importo verrà erogato direttamente con accredito sul conto, mentre mensilmente sarà rimborsato con addebito.