L'Agenzia del demanio e l'Ente nazionale per il microcredito hanno ratificato un accordo finalizzato a dare sostegno al microcredito e alla micro finanza mediante l'utilizzo economico del patrimonio immobiliare pubblico; il protocollo d'intesa mira inoltre ad alimentare lo sviluppo dei territori tramite l'erogazione di prestiti e finanziamenti che possano fomentare la nascita di nuove imprese ed aziende locali.

L'accordo, siglato dal Direttore dell'Agenzia del demanio Stefano Scalera e dal Presidente dell'ENM Mario Baccini, ha in particolare l'obiettivo di agevolare la nascita di microimprese, di promuovere e contribuire a creare nuovi modelli di sviluppo territoriale in termini economici e sociali, di favorire l'accesso a nuove forme di prestiti e finanziamenti per le categorie sociali svantaggiate e di originare nuovi posti di lavoro valorizzando i beni di proprietà dello Stato.

Entusiasti entrambi i firmatari dell'accordo, con Stefano Scalera particolarmente orgoglioso del significato sotteso alla ratifica del nuovo provvedimento: "La firma di oggi è un'ulteriore testimonianza dell'impegno dell'Agenzia per l'utilizzo di immobili pubblici come contenitori di sviluppo e crescita in coerenza con Valore Paese, il progetto per la valorizzazione e il recupero del patrimonio immobiliare pubblico. La collaborazione con il Microcredito è un'opportunità per incrementare il valore economico e sociale dei beni, promuovendo gli indotti locali con effetti positivi sullo sviluppo dei territori".

Estremamente soddisfatto anche Mario Baccini: "La nostra mission istituzionale è di creare un network, fare squadra con le sinergie in campo per sostenere le idee, il lavoro e la nascita di nuove micro imprese, con particolare attenzione al Progetto microcredito donna".