In questi tempi è sempre più diffusa la pratica di richiesta di prestiti personali anche da parte della categoria pensionati. È chiaro che la procedura non sempre è semplice e che spesso ottenere prestiti a tassi e rate ragionevoli, soprattutto per un pensionato magari abbastanza avanti negli anni, risulta molto complesso. In questo senso vogliamo analizzare l'offerta che propone BNL-Gruppo BNP Paribas.

Prestito BNL Pensione Dinamica, questo il nome del tipo specifico di prestito, ha questo tipo di caratteristiche: la possibilità di presentare come garanzia soltanto la pensione, la possibilità di concordare una rata fino a 1/5 della pensione, la possibilità di rimborso in un arco di tempo che va dai 24 ai 120 mesi. La cifra che è possibile richiedere è di massimo 90.000 euro e la trattenuta della rata avviene direttamente sulla pensione.

BNL - Gruppo BNP Paribas ha anche sottoscritto una convenzione triennale con l'INPS (che ora gestisce anche i pensionati del settore pubblico, in quanto ha assorbito l'INPDAP) che fa sì che si possano concedere prestiti a tassi di interesse fissi, cosa che, in periodo di particolare fluttuazione dei mercati, per molte persone si rivela come la scelta più serena.

Vediamo nello specifico quali sono i tassi applicati a un pensionato ex-INPDAP che richiede un prestito. Prendiamo ad esempio un pensionato di 65 anni. La categoria a cui appartiene è quella dai 65 agli 80 anni. Per questa categoria il TAN è tra l'8,19% e il 9,20%, mentre il TAEG va da un minimo del 10,15% a un massimo dell'11,20%. Se il pensionato ha più di 80 anni il TAN va dal 9,08% al 15,03%, mentre il TAEG va da un minimo del 13,93% a un massimo del 17,50%.

In conclusione può essere utile ricordare che l'età massima allo scadere del piano di ammortamento non può essere superiore ai 90 anni.