La prolungata recessione economica e la preoccupante disoccupazione che ha superato la soglia del 40% ha portato i consumatori italiani lavoratori precari senza busta paga e disoccupati, a rivolgersi ai vari Istituti di credito per richiedere un piccolo prestito personale, per far fronte alle spese fisse quotidiane.

Il richiedente senza busta paga dovrà presentare all'Istituto di credito prescelto delle garanzie reddituali alternative, come l'ipoteca della propria abitazione, oppure presentare un contratto regolare di locazione a terzi, un immobile di proprietà, oppure avvalersi di un garante, che dovrà presentare delle garanzie reddituali e si occuperà del rimborso del finanziamento nel caso in cui il richiedente dovesse essere insolvente.

Da una comparazione di 20 istituti di credito effettuata con il comparatore online di SuperMoney, ecco le offerte più vantaggiose di prestito personale non finalizzato. La simulazione ha preso in oggetto la richiesta di un prestito per liquidità di 4.000 mila euro, assicurato, da rimborsare in 36 mesi a tassi d'interessi fissi, da parte lavoratori precari e disoccupati. Le migliori offerte di prestiti online vengono proposte da:

Banca Popolare di Vicenza offre Prestito Facile Small. Per un piccolo prestito personale non finalizzato di 4.000 euro, da rimborsare in 36 rate mensili, viene richiesta una rata dell'importo di 132,8 euro, con il Tan all'11,99% e il Taeg al 15,84%. L'importo totale da rimborsare sarà di 4.963 euro.

Pitagora offre Prestito Personale ma, per un preventivo gratuito e senza impegno, è necessario richiedere la Fattibilità e lasciare i propri dati per ricevere un'offerta personalizzata del prodotto finanziario più vantaggioso.

Infine Compass offre, alle stesse condizioni, una rata mensile di 164,32 euro, con Tan 12,70% e Taeg 9,90%. Per un preventino senza impegno è possibile fissare un appuntamento.