Potrebbe capitare di avere necessità economiche, per spese impreviste o sopraggiunte difficoltà, e di dover effettuare la richiesta di due prestiti contemporaneamente. Esiste la possibilità dunque di poter richiedere due prestiti, ma è vantaggioso economicamente?

Doppio prestito: prestito delega e cessione del quinto

Quando si ha necessità di liquidità elevata, si può prendere in considerazione l'idea di chiedere due prestiti. Il primo prestito non ha sanato il problema economico e si procede con una seconda richiesta di finanziamento.

L'esempio tipico della richiesta del doppio prestito è rappresentato dalla cessione del quinto della pensione o stipendio e del prestito delega.

L'intestatario del primo prestito, che avrà scelto come modalità di restituzione la cessione del quinto del suo stipendio, con una rata pari ad un quinto della propria mensilità, potrà scegliere un piano di rientro pari al massimo a dieci anni. Se l'importo erogato non risulta sufficiente per le necessità familiari e per le spese impreviste, si potrà richiedere un secondo prestito, sempre con la trattenuta sullo stipendio, il cosiddetto prestito delega, a patto che la somma delle trattenute in busta paga non superino il 40% dello stipendio netto.

La doppia richiesta di finanziamento non è vantaggiosa però dal punto di economico. Pur ottenendo l'importo maggiore di cui si necessità, e quindi si avrà la possibilità di fronteggiare le proprie necessità, il rovescio della medaglia sarà l'aumento delle spese legate sia al primo prestito che al secondo. Ci saranno da corrispondere le spese per la gestione della pratica e le assicurazioni.