InPegno è il finanziamento concesso da Credito Valtellinese a chiunque necessiti di liquidità immediata: comunemente denominato prestito su pegno, garantisce una somma di denaro in cambio di un bene (oro, argento, preziosi di ogni genere) posto a garanzia del prestito; dal canto suo la banca dopo una breve valutazione, emette un documento al portatore chiamato "polizza di pegno".

Vediamo insieme quali sono i vantaggi che il gruppo bancario offre a chi stipula tale finanziamento:

  • Trasparenza e Garanzia a chi ha bisogno di un prestito sicuro, in tempi rapidi, a condizioni molto vantaggiose.
  • Nessuna indagine patrimoniale richiesta: il bene è posto a garanzia del prestito. Basta essere maggiorenni e in possesso di un documento d'identità valido e del codice fiscale.
  • Professionalità e valutazione: il pegno è valutato da periti specializzati che, con la massima riservatezza, garantiranno una stima accurata secondo, le condizioni di mercato.
  • Velocità di erogazione: effettuata la valutazione, la concessione del prestito è evasa in tempo reale.
  • Tutela della privacy: InPegno garantisce la massima riservatezza grazie alle filiali dotate di sportelli, appositamente creati per tutelare la privacy.
  • Custodia sicura del bene: fino alla scadenza della polizza, i beni posti in pegno, saranno al sicuro, custoditi nei caveau della banca.

Per accedere a tale forma di prestito, bisogna presentare un bene di tua proprietà, che solo dopo la valutazione di un tecnico specializzato sarà correlato da una somma di denaro con scadenza concordata (solitamente 3/6 mesi) e, se alla scadenza il pegno non è riscattato, il debitore può decidere di rinnovare il finanziamento, gravato da un tasso d'interesse maggiorato, oltre alle spese previste per la clausola di rinnovo.

Se si decide di non rinnovare il bene, trascorsi 30 giorni dalla scadenza, la stessa banca lo venderà con asta pubblica, sgravando il debitore da ogni impegno.

Inoltre, qualora l'importo ricavato dall'asta fosse superiore al credito concesso, il cliente potrà ritirare l'eccedenza di denaro entro i 5 anni successivi alla vendita.

L'erogazione del prestito non supera mai i 4/5 del bene, per ogni stima degli oggetti e per un preventivo gratuito bisogna sempre recarsi in filiale.