La crisi economica l'incertezza di mantenere un posto fisso, sta avendo forti ripercussioni anche per quelle coppie che desiderano convolare a nozze. Da una recente statistica si è appurato che la media delle persone che si sposa in Italia si è alzata decisivamente rispetto a 20 anni fa: 34 anni per l'uomo e 31 per la donna. Per affrontare con più serenità il giorno più importante di tutta la vita, sempre più fidanzati valutano l'ipotesi di richiedere un prestito per matrimonio, che è in costante aumento rispetto a 2 anni fa del 41%.

Tra le regioni con le più alte domande la Campania e il Lazio con prestiti che vengono erogati sui 12.570 euro, una somma che può garantire un ottimo pranzo al ristorante per almeno 250 invitati. In genere il prestito per il matrimonio ha un importo massimo di 30 mila euro. Per quanto concerne la sua modalità è distinta principalmente in tre categorie: Prestito finalizzato, Prestito personale e cessione del quinto dello stipendio.

Prestito finalizzato - I ristoranti, i negozi specializzati in lista nozze e bomboniere e la stessa agenzia di viaggio, possono indicare al cliente di affidarsi a un istituto finanziario che ha trovato un'intesa con quell'esercizio commerciale.

Prestito personale - Per questa forma tipica di finanziamento l'interessato ha la possibilità di orientarsi e rivolgersi alla banca o istituto di credito più consono alle sue esigenze. Tra l'altro alcune strutture di credito hanno ideato dei ''prestiti sposi'' al fine di erogare prestiti a quei clienti, che hanno necessità di una somma per preparare in maniera più consona la propria cerimonia nuziale. Tra le offerte migliori quella di Findomestic che propone nella modalità del prestito personale il ''finanziamento cerimonie'' garantendo nessuna spesa aggiuntiva di istruttoria e imposta di bollo. La somma richiesta può essere erogata da un minimo di 7.000 a un importo massimo pari a 15.000 euro, pagabili in 84 rate mensili.

Cessione del quinto - In quest'ultima variante la banca o l'istituto finanziario dopo aver concesso un prestito otterrà il rimborso dalla busta paga tramite il prelievo diretto. In particolare IBL Banca consiglia Rata Bassotta similmente anche Pitagora Finanziamenti.