Sempre più persone si rivolgono agli istituti bancari per richiedere prestiti personali: le motivazioni possono essere le più varie, a partire da una spesa improvvisa, il desiderio di un acquisto particolare o la volontà di fare un piccolo investimento.

Particolare categoria di prestito è quello riservato ai pensionati INPS, ovvero tipologie di finanziamenti che sono strettamente riservati a tutti gli ex lavoratori che hanno affidato i propri contributi all'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale.

Per questi particolari categorie di ex lavoratori, c'è possibilità di ottenere prestiti a tassi agevolati: come spiegato per i pensionati INPDAP, anche per i contribuenti INPS la rata mensile del prestito verrà direttamente trattenuta dal cedolino della pensione.

Una soluzione molto utilizzata proprio in questo senso è quella relativa alla cessione del quinto: la rata mensile del finanziamento non potrà infatti superare 1/5 dell'ammontare della propria pensione netta. In questo modo si possono ovviare eventuali resistenze legate ai limiti di età da parte della banca.

Una volta rispettate tutti i requisiti e ottenute informazioni su particolari convenzioni stipulate tra le banche e l'istituto di previdenza, si può andare a selezionare la migliore offerta presente sul mercato. Ipotizzando la posizione di un pensionato INPS che richiede un prestito di 5.000 euro rimborsabili in 4 anni, ecco le 5 migliori offerte presenti sul mercato:

  • IBL BANCA: offre un prestito con Taeg 10,78% e TAN 4,70% con una rata mensile di 127,5 euro.
  • Credem: attraverso il Prestito Personale Avvera si può avere un Taeg del 13,16%, TAN dell'11,90% con una rata di 131,4 euro al mese.
  • Banca Popolare di Vicenza: con il Prestito Facile Medium si avrà una rata di 131,6 euro al mese con un importo dovuto di 6.525.
  • Unicredit: con CreditExpress Dynamic si avrà una rata mensile di 133,9 euro e un importo finale di 6.690 euro.
  • Banca Popolare di Sondrio: offre un Taeg del 17,43% e un TAN dell'11,04%, con una rata di 129,3 euro.