Sono sempre più in crescita le richieste che pervengono agli istituti di credito in merito ai prestiti personali da parte dei pensionati. Si tratta di tipologie particolari che consentono ai lavoratori in pensione di avere accesso a piccole somme necessarie a rispondere ad emergenze o particolari investimenti.

In particolare, i prestiti per i pensionati INPDAP sono riservati ai soli ex lavoratori che hanno prestato opera all'interno dell'amministrazione pubblica. Attraverso il servizio di comparazione di SuperMoney, abbiamo verificato le 5 migliori offerte del momento, ipotizzando una somma richiesta di 5.000 euro rimborsabile in 4 anni. Ricordiamo che in questo genere di situazioni è l'INPDAP stesso a pagare le rate del finanziamento attraverso una trattenuta sul cedolino della pensione. Ecco ciò che è emerso dalla ricerca:

  • IBL Banca: la Rata Bassotta offre Taeg e Tan rispettivamente del 9,53% e del 4,70% con una rata mensile di 124,8 euro.
  • Credem: il prestito personale Avvera si basa su un Taeg del 13,16% e un TAN dell'11,90%. L'importo finale dovuto è di 6.370 euro.
  • Banca Popolare di Vicenza: con una rata di 131,6 euro al mese si può accedere al prestito Facile Medium, che presenta un Taeg dell'14,80% e un TAN dell'11,99%.
  • Banca Popolare di Sondrio: si può avere un prestito con questo banca usufruendo di Taeg del 17,43% e un TAN dell'11,04%. La rata mensile sarà di 129,3 euro.
  • Unicredit: offre con CreditExpress Dynamic, un Taeg dell'17,43% e un TAN del 12,90%. L'importo finale dovuto sarà di 6.690 euro suddiviso in 48 rate da 133,9 euro.