Sono molte le famiglie italiane che si trovano a vivere un momento di forte sconforto economico quando iniziano le lezioni scolastiche, momento questo in cui infatti sono molte le spese che devono essere affrontate prima fra tutte la spesa ovviamente dei libri di testo. Esistono per fortuna dei prestiti personali per i libri scolastici dedicati agli studenti delle scuole elementari, delle scuole medie e delle scuole superiori.

L'associazione di consumatori Altroconsumo ha deciso di analizzare sei tra i prestiti personali per la scuola più importanti. Altroconsumo ricorda a tutte le famiglie italiane di prestare molta attenzione al Taeg, l'unico parametro che permette infatti di avere un quadro chiaro e trasparente di tutte le spese che devono essere sostenute. Alle volte si legge infatti di prestiti a tasso zero che in realtà prevedono un Tan a tasso zero ma un Taeg anche molto elevato, prestiti questi che possono quindi a prima vista essere fuorvianti.

I prestiti analizzati da Altronconsumo sono:
  • 900 euro per studiare di Banca delle Marche, prestito personale per i libri di scuola ma anche per ogni altra spesa inerente allo studio a cui possono accedere famiglie che hanno un reddito ISEE che non supera i 30.000 € annui.
  • Prestito libri 2013 di Banco Popolare, prestito per libri scolastici da un minimo di 500 € ad un massimo di 1000 € disponibile solo fino al 30 novembre 2013.
  • Operazioni studenti 2013-2014 di Banca Popolare di Vicenza, prestito per i libri di scuola ma anche per i personal computer, per l'abbonamento dell'autobus, del treno o della metropolitana e simili che può finanziare da un minimo di 200 € ad un massimo di 2000 €.
  • Libri Zero di Banca Popolare dell'Emilia Romagna, prestito per i libri di scuola, per i dizionari, per le enciclopedie, anche ovviamente per gli ebook, che va da un minimo di 300 € ad un massimo di 1500 €.
  • Prestito Scuola 2013 di Banca Popolare di Milano, prestito personale valido fino al 31 ottobre 2013 con un importo massimo di 1500 €.
  • Bancoposta Studi prestito personale di Poste Italiane, prestito valido fino al 31 dicembre 2013 con importo massimo di 1000 € per i bambini e i ragazzi delle scuole elementari e medie e con importo massimo di 2000 € per i ragazzi invece delle scuole superiori.
Ecco i dati di Altronconsumo, calcolati su un prestito di 1000 € da restituire in 12 rate mensili:
  • 900 euro per studiare di Banca delle Marche - Tan, istruttoria, incasso rate, imposta di bollo, Taeg a zero spese
  • Prestito libri 2013 di Banco Popolare - Tan, istruttoria, incasso rate, imposta di bollo, Taeg a zero spese
  • Operazioni studenti 2013-2014 di Banca Popolare di Vicenza - Tan, istruttoria, incasso rate, imposta di bollo a zero spese e Taeg allo 0.92%
  • Libri Zero di Banca Popolare dell'Emilia Romagna - Tan e incasso rate a zero spese, istruttoria a 2.75 €, imposta di bollo a 16 € e Taeg a 3,55%
  • Prestito Scuola 2013 di Banca Popolare di Milano - istruttoria a zero spese, Tan a 5.8%, incasso rate a 1 €, imposta di bollo a 16 € e Taeg a 12,61%
  • Bancoposta Studi di Poste Italiane - istruttoria e incasso rate a zero spese, Tan a 8.10%, imposta di bollo a 16 € e Taeg a 12,75%
Altronconsumo ricorda infine che per tutti questi prestiti la polizza assicurativa è facoltativa. C'è la possibilità che alcune banche la richiedano, ma è meglio in questo caso fare di tutto per non accenderla. Il capitale infatti richiesto è davvero molto basso e la durata del finanziamento è minima, non ne vale la pena.