I prestiti auto sono una modalità di finanziamento molto conosciuta e praticata in Italia, sia per l'acquisto di veicoli nuovi che per quelli usati.

I prestiti per l'acquisto di un'auto possono essere richiesti direttamente in concessionaria oppure alla banca o alla finanziaria di fiducia. Solitamente richiedere un prestito in concessionaria è la procedura più praticata, dato che i rivenditori di auto sono convenzionati con le società finanziarie che accreditano, quando la richiesta viene accettata, l'importo finanziato direttamente alla concessionaria. Nel secondo caso, invece, chi vuole acquistare un'auto richiederà alla banca un prestito personale non finalizzato.

Grazie alla concessione del prestito auto, il concessionario può consegnare l'auto al cliente e quest'ultimo si impegna a rimborsare il credito che ha ricevuto con rate mensili per un dato periodo di tempo concordato con la banca. L'addebito avviene tramite procedura Rid o addebito in conto corrente e al cliente viene chiesto un reddito dimostrabile oppure la firma di un fideiussore. Il prestito auto può avere una durata che varia da sei mesi a dieci anni e l'importo massimo richiedibile è di trentamila euro; inoltre può coprire il 100% del valore dell'auto oppure fino all'85%, opzione che consente di ottenere tassi più competitivi.

Molta attenzione dovrà essere prestata dal cliente al contratto del prestito, che dovrà riportare il Tasso di Interesse Nominale (TAN), il Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG), gli oneri assicurativi facoltativi, importo, numero e scadenza delle rate, oneri e spese aggiuntive in caso di mancato pagamento della rata, copertura assicurativa richiesta. Nel caso di prestito auto è anche possibile estinguere anticipatamente il debito residuo, pagando però una penale.