In questo periodo di crisi economica in molti cercano di ottenere dei prestiti, ma non sempre purtroppo la richiesta viene accettata dalle banche, soprattutto perché vengono chieste garanzie elevate. Oltre a tutto ciò bisogna fare attenzione anche a scegliere il prestito adatto, poiché spesso ci si ritrova a dover pagare interessi molto più elevati del previsto.

Prima di tutto bisogna ricordare che, affinché la richiesta venga accettata più facilmente dalla banca, sarebbe bene portare un garante: egli apporrà una firma che permetterà di accertare gli eventuali pagamenti futuri, prendendosi la responsabilità di restituire personalmente la rata, nel caso di mancato pagamento di coloro che hanno richiesto il prestito.

Un prestito si otterrà più facilmente anche nel caso di scelta di pagamento prolungato, poiché le rate con minor importo vengono pagate più facilmente. La banca solitamente esamina la capacità di rimborsare i soldi, controllando che il rapporto tra la rata e il reddito percepito non superi il 30% di quest'ultimo.

Per ottenere una rata conveniente è bene il TAN, Tasso Annuale Nominale, cioè gli interessi fissati per l'importo; oltre a ciò si dovranno considerare anche le spese accessorie, che rappresentano i costi legati alla gestione dei prestiti: tra queste ricordiamo le spese di incasso della rata, l'imposta da bollo, il costo delle comunicazioni, il costo delle assicurazioni eventuali, le spese di istruttoria e di chiusura delle pratiche.

Per essere sicuri del prezzo del TAN più le spese accessorie bisognerà quindi basarsi sul TAEG, il Tasso Annuo Effettivo Globale.